50 milioni di euro per un vaso dell'800 cinese. E a Xianyang spunta una zuppa di 2.500 anni fa


Sembra un momento davvero propizio per i vasi cinesi antichi. Giovedì scorso a Londra, da Bainbridges, una piccola casa d'aste, un vaso è stato battuto per la cifra record di 43 milioni di sterline (oltre 50 milioni di euro). L'acquirente? Naturalmente un cinese.

Il prezzo è davvero impressionante, se pensiamo che ha superato di oltre quaranta volte la stima di pre-vendita, mandando in estasi i proprietari, gli ereditieri di un vecchia signora londinese che aveva comprato il vaso negli anni '30. Il pezzo faceva parte del bottino trafugato a Palazzo d'Estate di Pechino nel 1860, quando le truppe inglesi e francesi si diedero al saccheggio dopo la fine della seconda Guerra dell'Oppio.

La notizia di oggi invece riguarda il ritrovamento di un vaso molto più antico, risalente al 500 a.C. Venuto alla luce durante gli scavi per l'ampliamento dell'aeroporto di Xianyang a Xian, col coperto sigillato, al suo interno conteneva una zuppa. Il sito di provenienza è lo stesso che portò alla luce l'Esercito di Terracotta dell'imperatore Qin Shi Huang.

  • shares
  • Mail