EAS. Elettronica alla spina 03, LUCE > VOCE


Realmente suggestivo il progetto "EAS - Elettronica alla spina 03. LUCE > VOCE", promosso dall’associazione culturale New Grass a cura di Sebastiano Bazzano. L'idea arriva da Massimo Magrini e consiste in un apparecchio rice-trasmittente che inverte i flussi della materia: la voce si trasferisce con la luce.

Il tutto si tradurrà in una perfroamnce a Pisa: un "radio-ponte" che collegherà le due sponde del fiume Arno. Dietro alla tecnologia si nasconde però una raffinata e suggestiva poetica: "far luce con le parole" passa dal dominio della metafora a quello della fisica, mentre questo "ponte", materiale e immateriale, si inserisce nel paesaggio urbano a stabilire un canale di comunicazione della voce stabile e fluido al tempo stesso.

L'arte si mischia alla ricerca: la realizzazione della perfromance è infatti preceduta da una conferenza/laboratorio con il coordinamento del critico musicale Vittore Baroni, la partecipazione del ricercatore Sebastiano Bazzano e sonorizzazione interattiva audio/video di Andrea Borghi, Filippo Ciavoli Cortelli, Alberto Picchi, Nicola Quiriconi (VipCancro). La performance si svolgerà il 18 dicembre prossimo con la proiezione di rari filmati ed esemplificazioni audiovisive accompagnano una sintetica ricognizione storica attraverso un secolo e mezzo di singolari invenzioni e applicazioni tecnologiche riferite alla comunicazione fono-ottica, come il Photophone di Alexander Graham Bell o la Camera Lucida sono-luminescente di Evelina Domnitch e Dmitry Gelfand.

  • shares
  • Mail