A Istanbul, la prima personale di Vahap Avşar


A Istanbul presso la galleria Rampa, la prima personale di Vahap Avşar si può considerare un avvenimento. Vahap Avşar è un prolifico artista capace di mescolare diverse tecniche e media, dalla fotografia, alla performance al live painting, all'installazione, ma è anche un acuto e critico interprete della società turca e le sue opere non mancano mai di posizionarsi politicamente su temi caldi quanto attuali.

Opere che sono anche uno specchio della società occidentale e del mondo contemporaneo. Ci parlano dei modo di produrre propri del "consumerism", di ingiustizia sociale abilitata dai governi globali e locali, del militarismo e dei suoi rituali, della crisi sistemica, sociale e di identità che attraversa i paesi cosidetti del "terzo mondo".

A Rampa, venticinque anni di lavoro trovano per la prima volta una sintesi espositiva: Supreme (2008), Ali x Christ (1993), Ataturk/Alphabet (1991), Hotel Europa (1992), Swearing Ceremony (2010), Freedom and Adventure (1992), Five Thousand Turkish Liras (1986), per citare i principali. La mostra rimarrà esposta dal 25 dicembre 2010 fino al 5 febbraio 2011. Consiglio di dare un occhio al suo sito per farsi un'idea della produzione di questo artista.

[Foto in alto: Forbidden Zones, 1985]

  • shares
  • Mail