Giacomo Costa fotografa megalopoli immaginarie

Magalopoli n 10, 2002 - Giacomo Costa

Ho visto due lavori di Giacomo Costa (una vita interessante tanto quanto le sue opere) alla collettiva Arterritory di Roma diversi mesi fa, dove l'artista proponeva le megalopoli sconfinate interrotte da elementi inaspettati (come in Atto 8 dove un'enorme vasca occupa il centro di una città).

Le sue megalopoli immaginarie esistono però nella realtà, come le fotografie di Michael Wolf dimostrano (che tanto interesse hanno suscitato l'anno passato).

Una densità degli spazi che non smette di affascinarmi nonostante il senso di soffocamento.

  • shares
  • Mail