ACCESS - by Marie Sester

L'installazione "ACCESS" dell'artista Marie Sister, nella sua assoluta pulizia è un'opera d'arte interattiva bellissima che ci fa riflettere sul concetto di sfera pubblica/privata, sul controllo e sull'ossessione della sorveglianza.

Il video ci racconta perfettamente l'installazione della Sester, ma vediamo meglio come funziona. Immaginate di camminare in uno spazio pubblico (una stazione, un centro commerciale, una matro). Improvvisamente un raggio laser vi inquadra e un cerchio di luce inizia a seguirvi, mentre dei suoni si producono nell'ambiente. Voi vi spostate e il raggio vi segue. Perché? Cosa sta succedendo? E soprattutto, chi vi segue? Qui entra in gioco il paradosso e la sottigliezza dell'opera. Attraverso un sistema online, effettivamente un randomico utilizzatore in remoto vi ha individuato e "puntato". Ma il sorvegliente non sa assolutamente nulla del sorvegliato: né chi è, tantomeno dove si trova. Le location in cui di volta in volta ACCESS di sposta vengono rese note solo alla fine della performance, quindi quello che si crea è un gigantesco loop di osservazione/comunicazione in cui si rivela tutta l'ambiguita della sorveglianza.

Per saperne di più su Marie Sester e sul suo lavoro consiglio di visitare il sito dell'artista.

  • shares
  • Mail