Il giallo di Van Gogh a rischio degradazione


Quando pensate a Van Gogh che colori vi vengono in mente? A me i blu scuri dei crepuscoli, i marroni della sua stanza e poi il giallo vivido dei girasoli. Proprio questo colore è a rischio di degradazione e gli esperti stanno cercando una soluzione applicabile al più presto.

Secondo uno studio congiunto di alcune università (Perugia, Anversa, Delf e Grenoble), un preoccupante processo di degradazione a livello chimico è in corso sui gialli utilizzati da Van Gogh (ma anche da Manet e Renoir). Si tratta del giallo cromo, pigmento a base di cromato di piombo, scarsamente stabile a livello fotochimico.

I girasoli, ma anche altri dipinti come Le rive della Senna (1887) e Vista di Arles con Iris (1888), sono destinati a subire un lento processo di imbrunimento che farà scomparire la loro luminosità, se non si riuscirà a trovare una soluzione.

Adesso capirete anche perché al Van Gogh Museum di Amsterdam, se vi beccano con una macchina fotografica, magari anche dotata di flash, non ve la fanno passare liscia.

  • shares
  • Mail