Collezionava reperti archeologici in casa, denunciato un imprenditore a Milano


Un collezionista sui generis è stato scoperto dagli uomini della Polizia di Lambrate. La sua passione erano i reperti archeologici, che si procurava comprandoli sul mercato nero. Con gli anni la sua abitazione si era riempita di quasi 300 fra cimeli, statue, antichi vasi vecchi centinaia o migliaia di anni.

Il protagonista della storia, un uomo a cui piaceva godere dell'archeologia nel privato della sua casa, non permettendo alla collettività di trarne beneficio, si chiama Gianni C., ha 82 anni ed è molto conosciuto nel mondo del design.

Grazie ai molti soldi e alla passione per i viaggi, l'uomo aveva ricostruito così un vero e proprio museo, un tesoro che lo riportava direttamente nel mondo antico. Non sappiamo ancora quale pena è prevista per lui.

  • shares
  • Mail