I preraffaelliti alla GNAM di Roma


Dopo l'inaugurazione di ieri si è svelata in tutto il suo splendore Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana. Un percorso che parte simbolicamente da William Turner e John Ruskin, per arrivare, attraverso 100 opere, a dare una visione approfondita della ricerca dei preraffaelliti, fra tutti Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones e William Morris.

Il rapporto di fascinazione di questi artisti verso la cultura italiana, non riguarda solo le architetture, il paesaggio e l'atmosfera italiana. Così in mostra ci sono pittori come Giotto, Crivelli, Carpaccio, Botticelli, Sebastiano del Piombo, Palma il Vecchio, Bergognone, Luini, Tiziano, Veronese e Tintoretto, che esercitarono un'influenza notevole sulla pittura inglese del periodo.

Un processo culturale scaturito al tempo da un'impennata di collezionismo pubblico e privato legato all'arte italiana. Un processo che portò ad importanti sviluppi della riflessione critico-interpretativa sulle arti visive in Italia, coinvolgendo in primo luogo gli stessi pittori inglesi.

Concludono il percorso visitabile fino al 12 giugno 2011 e curato da Maria Teresa Benedetti, Stefania Frezzotti e Robert Upstone, opere di Nino Costa, Giulio Aristide Sartorio, Adolfo De Carolis e Gaetano Previati, che, attraverso i preraffaelliti inglesi, dettero nuova linfa alla riscoperta del Rinascimento italiano.

Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana
Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana
Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana
Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana
Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vittoriana

  • shares
  • Mail