Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista

Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista

Stiamo assistendo ad un periodo di grandi crisi politiche a livello globale. Dal nord Africa al medio-Oriente alla Cina, le popolazioni alzano la voce chiedendo democrazia e libertà di parola. Ma la rivoluzione, soprattutto quella culturale, fa paura al potere ed artisti ed attivisti vengono incarcerati (Ai WeiWei) e uccisi.

Dopo Juliano Mer-Khamis, registriamo un altro sconvolgente assassinio. Kais al Hilali, muralista ed attivista politico libico, è stato seccato a colpi di pistola nelle strade di Bengasi a fine marzo. La sua colpa? Sui muri dipingeva con pennelli e vernice vignette e caricature del raìs. Lo denuncia Abdullah al-Zawway, un uomo d'affari di Bengasi che da sempre appoggia la sua arte. "Stava facendo una grande caricatura di Gheddafi su una rotatoria [...] Un sacco di persone si affollavano intorno a guardare”.

La morte è quasi sicuramente riconducibile ai fedelissimi di Muammar Gheddafi, che ancora perpetrano la loro infame censura. Kais, insieme a molti giovani artisti e cyber-attivisti aveva appoggiato una rivoluzione non-violenta, fatta di idee. I suoi graffiti apparivano in giro per la città, nei luoghi sensibili, denunciando ed aprendo gli occhi alle persone.

Adesso che la sua voce è stata sopita con la violenza, Kais sta diventando un altro martire di questa guerra tra uno stato ed i suoi cittadini. Nel nostro piccolo possiamo solo ricordarlo, raccontare la sua storia, il suo coraggio.

Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista
Libia, ucciso a Bengasi Kais al-Hilali, street artist ed attivista

  • shares
  • Mail