Collapsus. Tra fiction, documentario e interazione narrative transmediali dal futuro prossimo [Nuclear Anxiety]

È una settimana particolare per questo ciclo. Come quasi tutti voi già sapranno, il referendum sul nucleare è in bilico e sarà la Cassazione a decidere se abrogarlo o meno è stato cancellato. Non è questa la sede per approfondire tali argomenti (con l'invito per chi è interessato a visitare Polisblog ed Ecoblog): il comportamento del governo suscita dubbi e incertezze sulla futura applicazione della legge, lasciando in molti uno sgradevole senso di opportunismo politico difficile da eliminare, ora che il disastro di Fukushima è la cronaca viva e dolente dei rischi che corriamo.

Dal canto mio ho deciso di continuare il ciclo Nuclear Anxiety fino a domenica 12 giugno per riflettere e interogarci insieme grazie alle opere di tanti artisti che si sono ipirati a un tema legato alla nostra stessa sopravvivenza e alle condizioni di vita su questo pianeta.

L'opera di oggi - vi anticipo che è bellissima - ci parla proprio di questo. Si tratta di "Collapsus. Energy Risk Conspiracy", una narrativa transmediale che fonde documentario, fiction e interattività in un prodotto unico. Con la regia di Tommy Pallotta, che forse ricorderte per Scanner Darkly e Waking Life (nelle vesti di producer) o American Prince, Collapsus racconta una storia ambientata nel futuro prossimo (l'inizio della timeline è datato 2012): un mondo in cui la crisi petrolifera si aggrava tanto da determinare un primo blackout a Londra. Guardando lo svolgersi della storia, il fruitore può scegliere diversi punti di vista seguendo i protagonisti del racconto, ma soprattutto diventarne parte attiva prendendo decisioni tese ad evitare nuovi blackout. Per farlo può consultare esperti che lo aiutano indirizzare le politiche energetiche. In un ritmo serrato, sulla timeline centrale dello schermo si susseguno frammenti di dcumentari, i vlog dei prtagonisti, animazioni, mentre sulla sinistra e sulla destra è possibile accedere a esperienze di tipo diverso, come mini-games e informazioni aggiuntive da scoprire.

La storia si conclude nel 2025: consiglio vivamente di andare sul sito per avere un'esperienza diretta.

  • shares
  • Mail