L'installazione di Banksy per 'Art in the Streets' al MOCA

Banksy al MOCA - Foto di \

Come vi avevamo promesso, andiamo a vedere un po' più da vicino le opere degli artisti in mostra ad Art in the Streets a Los Angeles. Cominciamo da Banksy che, dopo la personale a Bristol di due anni fa, gode di un ottima reputazione anche per le sue installazioni indoor.

Banksy utilizza il suo registro stilistico, al solito è diretto, non si dilunga in giri di parole. Chi lo segue e capita alla Geffen Contemporary (sede della mostra) a Little Tokyo non può fare a meno di notare come questa sia una grande sintesi del suo lavoro. Un'opera davvero 'mixed media', che riprende molti dei topoi figurativi dell'universo banksyano. L'artista si rivela per quello che è, un culture jammer, un manipolatore di codici, un semiologo di strada.

L'installazione di Banksy ha un'area appositamente dedicata. Da lontano si scorgono subito due elementi: lo spazio di una chiesa, dove un bambino in ginocchio prega di fronte ad una vetrata cosparsa di tag e una macchina per la stesura dell'asfalto che sembra appena aver schiacciato qualcosa. Avvicinandosi, c'è spazio per la poesia di un tronco d'albero immerso in un bidone arrugginito, sui cui rami una 'famiglia di cctv' (telecamere di sorveglianza) ha fatto il nido intrecciando fra loro piccoli cavi elettrici.

Alle pareti, cartelli recuperati dalla strada e modificati, oggetti, tele. Da una parte si snodano le varie figure e le varie 'narrazioni' che Banksy ha proposto negli anni, tra antimilitarismo, attivismo politico, sociale e, soprattutto, artistico. Il meccanismo delle opere dello street artist di Bristol non si risolve solo nella satira o nella trovata tecnica... c'è sempre uno 'scarto creativo' che il fruitore è chiamato a compiere, diventando esso stesso soggetto artistico e portatore di valori culturali con cui l'opera interagisce.

Photos by Taiyo Watanabe and Arrested Motion.

Banksy al MOCA - Foto di \'Arrested Motion\'

  • shares
  • Mail