La Regina e l'arte: una mostra alla Scottish National Gallery

Dal 25 giugno al 18 settembre 2011 la Scottish National Gallery di Edinburgo ospita un'esposizione intitolata "The Queen Art & Image"; tutta una serie di dipinti, fotografie e immagini multimediali che testimoniano l'evoluzione della ritrattistica regale nel corso degli ultimi decenni. Dalle immagini sui giornali a quelle che la ritraggono in televisione, dalle immagini formali -e un po' ingessate- ai lavori di eminenti artisti contemporanei (Gerard Richter, Golbert & George, Andy Warhol, Justin Mortimer, Chris Levine, Lucian Freud) che hanno osato sfidare i dettami della tradizione e influenzato notevolmente il cambiamento della percezione dell'immagine reale nel pubblico.

Si parte dalle immagini degli anni '50, quando, appena avvenuta l'ascensione al trono, che testimoniano il percorso di costruzione di un'immagine istituzionale, dove l'accento è sul fascino giovanile e sull'eleganza; negli anni '60 i profondi cambiamenti sociali del paese si riflettono in uno stile dei ritratti più informale e spontaneo; nei '70 per mantenere vivo l'interesse sulla famiglia reale, si persiste nel richiamo a un modo di vivere rilassato e non così distante dall'ordinario (si fa per dire); gli '80 vedono Carlo e Diana sorpassare in popolarità la Regina, con il riscontro mediatico da Guinness dei primati del loro matrimonio.

I '90 sono la terribile decade che vede separazioni, divorzi, l'incendio devastante al Castello di Windsor e poi la morte di Diana: è il momento in cui l'identità della Royal Family subisce grandi scossoni; dal 2000 ad oggi vediamo gli artisti chiedersi incessantemente "cosa rappresenta ora la Regina?". Ognuno da' una sua personale interpretazione, ma l'indizio è chiaro: si va verso un'immagine sempre più umanizzata e quantomeno incerta rispetto agli sviluppi nel futuro.

  • shares
  • Mail