Io non c'ero

Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova

Nel corso dell'I-MODE Festival organizzato dall'Accademia di Belle Arti di Macerata ho assistito a una performance realmente toccante.

Gli studenti di Giacomo Verde, professore e docente che abbiamo incrociato diverse volte su questo blog, con la sua direzione hanno dato vita a "Io non c'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova", uno spettacolo di video-teatro che ha ripercorso i giorni del G8 di Genova.

A 10 anni dall'omicidio di Carlo Giuliani, quei ragazzi che allora avevano forse 12-13 anni, compiono un'operazione storica significativa riappropriandosi di frammenti di memoria: documentandosi, ricercando, performando una storia probabilmente poco (e male) raccontata. Una storia che non è ancora nei manuali di storia e che come moltissime forse non ci arriverà mai. Per chi chi ha vissuto quei giorni, per chi "c'era", l'emozione e la commozione sono inevitabili.

Lo spettacolo si svolge nella Sala Svoboda. Un largo schermo di proiezione funge da sfondo a una passerella su cui sfilano i ragazi: ai lati, sfruttando le nicchie naturali con il projection mapping, ciclano diversi spezzoni di video. Giorno uno, giorno due, giorno tre: dai preparativi festosi, cresce la tensione, fino all'omicidio e alla terribile notte nella Scuola Diaz. Finzione e realtà si mischiano: mentre i ragazzi sfilano sulla passerella impersonando i diversi gruppi di manifestanti (dai Pink, ai Lilliput, a quelli che da quel momento in poi la cronaca renderà noti come "black bloc"), sulle pareti scorrono immagini, video, audio reali del G8. I corpi si muovono in sincronia con la cronaca di quei giorni: i cortei, l'inizio degli scontri con la polizia, i volantini distribuiti in mezzo al pubblico. Il momento più emozionante è forse l'ultimo "atto": sullo schermo di proiezione compare un edificio scolastico stilizzato, ed è l'inizio delle perquisizioni nelle quali centinaia di giovani verranno picchiati ferocemente dalla forze dell'ordine. Sulla passerella, i corpi degli attori cadono l'uno sull'altro contorcendosi...

È la scheggia di memoria che più mi ha colpito, e trovo bellissima questa modalità, questo "ponte" generazionale che lo spettacolo credo sia stato in grado di creare.

Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova
Io non c\'ero. Schegge di memoria dal G8 di Genova

  • shares
  • Mail