Street art. Intervista a -sten-

Hole school stencil, -sten-

L'enigmatico Sten parla di -sten-, il suo alter ego che appare in strada.
-sten- l'ho incontrato la prima volta in una via laterale a Roma, con l'immagine della ragazza che sogna disegnata sulle pareti di un palazzo ad angolo. Quell'immagine è stata cancellata, ma secondo me hanno fatto un torto al palazzo. Prima aveva molta più personalità e magari col tempo avrebbe potuto avere anche prestigio. Chi lo sa.

Raccontaci qualcosa di te, del tuo percorso fatto.

Sono un ragazzo come tanti.

Perché la street art e che messaggio vuoi diffondere quando lasci uno stencil su di un muro (mi vengono in mente quelli relativi a personaggi del cinema famosi)?

Street art non è stata una scelta, quando ho iniziato, 5-6 anni fa, il concetto di street art non aveva ancora preso piede come in questo momento. Ho iniziato con personaggi del cinema che ammiravo per la loro carriera o semplicemente che avevano un impatto estetico e d'impatto ai miei occhi.

Ci descrivi il momento che decidi di uscire per andare ad eseguire un tuo lavoro? E’ una cosa studiata e preparata o frutto del momento? E come avviene la scelta del posto (spesso trovo i tuoi stencil o poster in posti complicati da vedere).

La ricerca delle immagini che riproduco attraverso lo stencil è solitamente molto lunga, è una ricerca estetica ed espressiva. In questo momento i miei personaggi sono anonimi ed alcuni di questi sono persone che conosco. Non saprei spiegare che messaggio c'è dietro ogni stencil che faccio, il messaggio lo dà l'osservatore, non voglio introdurre linee guide all'interpretazione.

C’è un lavoro che invidi a qualcuno e che vorresti aver realizzato tu?

I palazzi in miniatura realizzati da Evol, stenciler tedesco e i poster di Swoon, street artist newyorkese. Poi mi sarebbe piaciuto fare cinema e invidio alcuni registi.

Pensi che la street art evolverà in altro, o sta già succedendo?

La street art è varia per tecniche, stili ed espressioni. Evolverà ma non so come.

Dove vorresti arrivare, tutti facciamo dei sogni/piani in termini di futuro, i tuoi desideri relativi all’arte?

Vorrei poter vivere di ciò che faccio per continuare a farlo.

Una cosa che vorresti dire che non ti chiede mai nessuno?

Nessuno mi chiede mai per strada se io sono sten, molti conoscono i miei lavori ma nessuno sa chi sono. Io sono -sten- e vivo sui palazzi.

  • shares
  • Mail