Le fotografie di André Kertész in mostra al Martin Gropius Bau di Berlino

Nell'edificio neorinascimentale italiano Martin Gropius Bau di Berlino è in corso fino all'11 settembre 2011 la mostra André Kertész – Fotografie; una retrospettiva dedicata al grande fotografo ungherese che è stato fonte di sipirazioni per grandi maestri come Henry Cartier Bresson. Sono oltre 300 le fotografie in esposizione, suddivise secondo i temi cari a Kertész: le ombre, i tetti e i camini, le rappresentazioni emotivi.

C'è poi tutta una sezione dedicata al reportage, di cui il fotografo è stato antesignano da quando viveva a Parigi negli anni '20 del secolo secorso; qui si era trasferito dalla natìa Budapest perchè attratto dagli stimoli artistici della ville lumière, che lo indussero a lasciare il lavoro di agente di borsa per dedicarsi full time alla sua grande passione.

Che iniziò ritraendo momenti del suo tempo libero, e in particolare il fratello Jenö che era uno sportivo; con la sua Leica dà vita a una sorta di diario per immagini che spaziano dallo studio dei volumi geometrici alle "Distorsioni" di nudi femminili. Si trasferisce poi negli Stati Uniti, dove nel 1964 arriva ad esporre al Museum of Modern Art di New York, e pubblica una serie di saggi, morirà nel 1985 lasciando un archivio di 100.000 negativi.

  • shares
  • Mail