Musei a Parigi: visitare il Musée Des Arts Décoratifs, tutte le informazioni

Fondato nel 1905 il Museo delle Arti Decorative è dedicato alle arti decorative e al design

Il Musée Des Arts Décoratifs di Parigi, dedicato alle arti decorative e al design, si trova nell'ala occidentale del Palais du Louvre, noto come il Pavillon de Marsan, e fa parte del complesso Les Arts Décoratifs, che comprende nello stesso luogo anche il Musée de la Mode et du Textile, il Musée de la Publicité e la biblioteca. Al 63 rue de Monceau (Musée Nissim de Camondo) e 266 boulevard Raspail (École Camondo) ci sono le altre due realtà legate a Les Arts Décoratifs.

Ma, tornando al Museo delle Arti Decorative, è stato fondato nel 1905 e ospita oggetti di interior design, pale d'altare, dipinti religiosi, oggetti d'arte, arazzi, carta da parati, ceramiche, vetrate e giocattoli dal Medioevo fino ai giorni nostri. La sezione dedicata alla moda (Mode et Textile) è composta da circa 86mila tra costumi, accessori e tessuti.


Le mostre in programma

Oltre alla collezione temporanea è possibile visitare le seguenti mostre:

Dries Van Noten - Inspirations
fino al 2 novembre 2014

De la Chine aux Arts Décoratifs: l’art chinois dans les collections du musée des Arts décoratifs
fino all'11 gennaio 2015

Les jouets en bois suédois
fino all'11 gennaio 2015

Recto Verso : 8 pièces graphiques
fino all'1 febbraio 2015

Come arrivare

Il Musée Des Arts Décoratifs si trova al 107 di rue de Rivoli a Parigi. E' facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici:

Infomazioni, orari e biglietti

Il museo (Arts décoratifs - Mode et Textile - Publicité) è aperto dal martedi alla domenica dalle 11.00 alle 18.00. Chiuso il lunedì, il 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio. Il giovedì l'orario di chiusura viene prolungato fino alle 21.

Il biglietto intero costa 11€, quello ridotto 8,50€.

Metro/Rer
fermata Tuileries o Palais Royal-Musée du Louvre

Bus
21, 27, 39, 48, 67, 69, 72, 81

10700288_10152700170060818_6134862764910794136_o

Foto | Il padiglione cinese di François-Joseph Graf per Fendi © François-Joseph Graf via Facebook

  • shares
  • Mail