Dead Drops. Dall'Art Center College of Design di Pasadena, la prima app firmata Bruce Sterling

Pasadena, California, Art Center College of Design. È qui che qualche giorno fa è stata rilasciata la prima applicazione firmata dal celebre autore di science fiction Bruce Sterling. Ma da lui ci si può aspettare di tutto.

L'applicazione si chiama "Dead Dropps" ed è il frutto di un programma estivo sponsorizzato da Layar, il primo in America tutto dedicato alla creazione di innovative applicazioni di realtà aumentata basate sull'omonima piattaforma, che ha coinvolto circa 20 studenti. Dead Drops nasce da una collaborazione internazionale fra Sterling, Menno Bieringa (sviluppatore Layar), Aram Bartholl (media artist tedesco) e Sander Veenhof (Layar-artist in residenza presso il College). Dead and Drops si basa sul fortunato progetto di Bartholl, di cui abbiamo già parlato sul blog, consistente nella disseminazione di pennette USB in spazi pubblici (spesso muri e mattoni quasi invisibili allo sguardo), dalle quali è possibile scaricare (e caricare) materiale multimediale e proprio piacimento. Secondo lo scrittore, che ha contribuito al nuovo libro di Bartholl, tutto questo di sposa perfettamente con il frame concettuale della realtà aumentata: "It's all about hidden data revealed in real-world, three-dimensional spaces (Si tratta di dati nascosti che si rivelano nel mondo reale, negli spazi tridimensionali). L'applicazione è progettata per i nostri smarphone (iPhone, Android) e consentirà al suo utilizzatore di scoprire i nuclei di pennette più vicini, semplicemente inquadrado l'orizzonte. Con pochi click sarà inoltre possibile creare una mappa che porta al sito: in tal modo chiunque, collegandosi in rete, potrà collegare il proprio pc allo strato di "Dead Drops" incorporato nel mondo fisico.

Sterling adesso è ufficialmente riconosciuto come "sviluppatore Layar", ma la cosa che trovo più interessante di questo lavoro ibrido e che l'eclettico scrittore capace di regalarci immaginari sul nostro futuro prossimo si prepara ad un nuovo passo: l'augmented fiction. A quanto sembra, infatti, il suo prossimo lavoro sarà proprio una fiction espressamente creata "per e sul" network di Dead Drops, che è già in rapida crescita. Ne seguiremo certamente gli sviluppi.

  • shares
  • Mail