Teatro Franco Parenti di Milano: "La scuola", con Silvio Orlando e Marina Massironi

Scopriamo la programmazione del Teatro Franco Parenti a Milano (via Pier Lombardo 14)

La scuola__phSaramagni

Dal 4 al 15 marzo 2015 al Teatro Franco Parenti di Milano, presso la Sala Grande, sarà in scena "La scuola", con Silvio Orlando e Marina Massironi, per la regia di Daniele Luchetti.

Racconta Orlando:

"Ho deciso di riportare in scena lo spettacolo più importante della mia carriera; fu un evento straordinario, entusiasmante, con una forte presa sul pubblico"

Il riferimento è a "Sottobanco", spettacolo teatrale del 1992 interpretato da un gruppo di attori capitanati da Silvio Orlando e diretti sempre da Daniele Luchetti: lo spettacolo divenne presto un cult, antesignano di tutto il filone di ambientazione scolastica tra cui anche la trasposizione cinematografica del 1995 della stessa pièce che prese appunto il titolo "La scuola".

Fu uno dei rari casi in cui il cinema accolse un successo teatrale (e non viceversa): lo spettacolo era uno spaccato della scuola italiana di quei tempi e al tempo stesso un esempio quasi profetico del cammino che stava intraprendendo il sistema scolastico. Il testo è tratto dalla produzione letteraria di Domenico Starnone.

La messa in scena è ambientata durante gli scrutini della IV D: un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei loro studenti e di tanto in tanto in questo ambiente circoscritto filtra la realtà esterna. Lo spettacolo sarà in scena il martedì alle 20.30, il mercoledì alle 19.30, il giovedì alle 21.30, il venerdì alle 20.30, il sabato alle 19.30 e la domenica alle 15.30.

Il biglietto intero costa 32€, il ridotto over60 18€, il ridotto under25 15€, le convenzioni 22,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Alla meta", dall'11 al 22 febbraio 2015

alla meta2

9 febbraio 2015

Debutterà l'11 febbraio 2015 al Teatro Franco Parenti di Milano "Alla meta" di Thomas Bernhard, con Micaela Esdra, Rita Abela e Diego Florio diretti da Walter Pagliaro.

La vicenda si svolge prima dell'estate, quando madre e figlia si preparano per trasferirsi nella loro casa al mare e, come ogni anno, la meta viene subito odiata non appena raggiunta. Uno scrittore di teatro verrà coinvolto incidentalmente nel rituale dei bagagli da preparare e da disfare, e resterà ipnotizzato dalla personalità dispotica e ossessiva della madre che infierisce sulla figlia–vittima, ridotta ormai ai limiti dell'afasia e incapace di una qualsiasi forma di autonomia. Ma ce n'è anche per lo scrittore e per la sua ultima pièce.

Spiega Pagliaro nelle note di regia:

"Le due donne vivono, in realtà, un ambiguo rapporto familiare. La madre discende da un'antica famiglia circense che 'batteva' la provincia olandese, guidata da un nonno-pagliaccio, di cui lei ancora conserva come una reliquia, un vecchio baule di giunco e una variopinta coperta per cavalli. Un giorno, questa donna aveva incontrato e sposato un ricco industriale, poi da lei progressivamente irretito, da cui aveva avuto due figli: uno dal volto prematuramente senile, morto molto presto, l'altra vagamente ritardata, con cui vive ancora oggi dopo la morte del marito. Questa famiglia sembra dunque avere tutte le caratteristiche di singolarità e anormalità, tipiche di molte dinastie circensi, in cui l'irregolarità, forse anche la mostruosità, diventano naturalmente qualità spettacolari"

"Alla meta" resterà in Sala AcomeA fino al 22 febbraio 2015, il martedì alle 20.45, il mercoledì alle 19.45, il giovedì alle 19.45, il venerdì alle 20.45, il sabato alle 20.45 e la domenica alle 15.45. Il biglietto intero in platea costa 32€ intero, 18€ over60, 15€ under25 e 22,50€ i convenzionati mentre in galleria l'intero costa 25€, l'over60 15€, l'under25 12,50€ e i convenzionati pagano 17,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Vecchi per niente", fino al 15 febbraio 2015

Vecchi per niente 4

Debutterà questa sera nella Sala 3 del Teatro Franco Parenti di Milano lo spettacolo "Vecchi per niente", con testo e regia di Nicola Russo ispirato a "La forza del carattere" di James Hillman.

"Vecchi per niente" nasce dalla volontà di parlare della vecchiaia da un punto di vista insolito, ovvero come espressione massima del carattere di una persona e non come crepuscolo o decadimento del corpo e della mente. Spiega il regista:

"E' un lavoro sulla vecchiaia quindi ma al tempo stesso uno spettacolo che parla della vita quindi uno spettacolo pieno di vita. Non è un lavoro sulla nostalgia, sui rimpianti ma sull’attualità e sul presente perché cosa c'è di più presente del carattere di una persona?"

Sul palco ci saranno Benedetta Barzini, Laura Mazzi, Teresa Piergentili, Marco Quaglia, Agostino Tazzini e Guido Tonetti: la compagnia Monstera nasce nel 2010 con la direzione artistica di Nicola Russo, nell'intento di sviluppare una drammaturgia fortemente legata al lavoro degli attori. L'attenzione primaria del gruppo è la libertà espressiva, che si focalizza sulla ricerca attoriale e che si propone di andare al di là del concetto di physique du rôle per allontanarsi dagli schemi tradizionali del rapporto tra attore e personaggio e tra attore e regista, sia degli attori che della scrittura scenica.

"Vecchi per niente" resterà in cartellone fino al 15 febbraio 2015, il martedì alle 21.00, il mercoledì alle 20.00, il giovedì alle 18.30, il venerdì alle 21.00, il sabato alle 20.00 e la domenica alle 16.00. Il biglietto intero costa 25€, quello over60 15€, quello under25 12,50€ e i convenzionati pagano 17,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "La serra" di Harold Pinter

La Serra

Harold Pinter protagonista al Teatro Franco Parenti di Milano dal 27 gennaio al 1° febbraio con "La serra", nella versione portata in scena da Marco Plini con con Mauro Malinverno, Valentina Banci, Luca Mammoli, Fabio Mascagni, Giusto Cucchiarini, Francesco Borchi ed Elisa Langone.

L'autore scrisse questo spettacolo nel 1958 ma lo tenne in un cassetto fino al 1980, anno in cui decise finalmente di metterlo in scena personalmente con qualche revisione. Grazie a questo lungo lavoro il risultato è un testo molto particolare del repertorio pinteriano: "La serra" infatti, pur affrontando una vicenda profondamente drammatica, inserisce nel linguaggio la comicità.

L'opera rivela l'altra faccia della medaglia nel rapporto tra chi comanda e chi ubbidisce: chi ha l'autorità per decidere - quante volte lo ritroviamo anche nella vita di tutti i giorni - spesso si comporta da burocrate, nascondendosi dietro un titolo, impegnandosi esclusivamente in una guerra di successione per il potere, essendo terrorizzato dall'idea di perdere la sua piccola o grande rendita di posizione.

Il testo si snoda tra la commedia surreale e il giallo, e il linguaggio di Pinter viviseziona i personaggi fino a mostrare che 'il re è nudo', ovvero che dietro a queste manovre per il potere si trovano solo piccoli uomini spaventati.

Il biglietto intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€. I convenzionati pagano 22,50€.

Lo spettacolo sarà in scena il martedì alle 20.30, il mercoledì alle 19.30, il giovedì alle 21.30, il venerdì alle 20.30, il sabato alle 19.30 e la domenica alle 15.30.

Teatro Franco Parenti di Milano: "I giocatori" di Pau Mirò

JUCATURE

15 gennaio 2015

Sarà in scena dal 16 al 25 gennaio 2015 al Teatro Franco Parenti di Milano lo spettacolo di Pau Mirò con Enrico Ianniello, Renato Carpentieri, Tony Laudadio e Luciano Saltarelli "I giocatori". L'opera è stata vincitrice del Premio Ubu 2013 come migliore novità straniera e del Premio Butaca 2012 come migliore testo in lingua catalana.

Il regista (attore e traduttore del testo) Enrico Ianniello ha spiegato:

"Come per Chiòve ho ambientato la vicenda a Napoli, anche se questa volta si tratta di una collocazione esclusivamente linguistica, senza riferimenti geografici precisi. Questa assenza di un luogo definito mi pare una cifra fondamentale dei quattro personaggi raccontati da Pau Mirò: quattro uomini senza un'età dichiarata, senza nome, senza lavoro e senza un vero amore che li faccia bruciare di passione. Quattro uomini che si incontrano, in tempo di crisi, per mettere in gioco l'unico capitale che hanno a disposizione: la loro solitudine, la loro ironia, la loro incapacità di capire"

Così come in "Chiòve", riambientazione nei Quartieri Spagnoli di Napoli dell'originale catalano Plou a Barcelona per la regia di Francesco Saponaro, Ianniello ha scelto il napoletano come lingua di vita, con il suo carico gergale che esalta i caratteri di questi personaggi e le loro relazioni, che in comune hanno la solitudine, il fallimento, la mancanza di lavoro, l'assenza di un amore autentico.

Si ritrovano sempre insieme per un bisogno di solidarietà, di complicità maschile, di fraternità, sentendosi 'una famiglia'.

Il biglietto intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€. I convenzionati pagano 22,50€.

Lo spettacolo sarà in scena il venerdì alle 20.30, il sabato alle 19.30, la domenica alle 15.30, il martedì alle 20.30, il mercoledì alle 19.30 e il giovedì alle 21.30.

Teatro Franco Parenti di Milano: Capodanno, gli spettacoli in cartellone

uomo che amava le donne

23 dicembre 2014

La proposta di Capodanno del Teatro Franco Parenti di Milano prevede in cartellone tre spettacoli. Si tratta di "Sogno di una notte di mezza sbornia", "L'uomo che amava le donne" e "Peperoni difficili".

Vediamoli in dettaglio.

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA SBORNIA
in scena alle 18.45 e alle 21.45
Biglietti: intero 60€ - ridotto 49,5€ (h. 18.45); intero 75€ - ridotto 60€ + buffet facoltativo 25€ (h. 21.45)

Luca De Filippo segue la lezione del padre e porta in scena la classica e antica tradizione teatrale napoletana, con le tematiche più care al maestro partenopeo e al suo particolare tipo di comicità. Lo spettacolo, di Eduardo De Filippo e liberamente tratto dalla commedia "La Fortuna si diverte" di Athos Setti, vedrà in scena Luca De Filippo, Carolina Rosi, Nicola Di Pinto, Massimo De Matteo e (in o.a.) Giovanni Allocca, Carmen Annibale, Gianni Cannavacciuolo, Viola Forestiero, Paola Fulciniti. La regia è di Armando Pugliese.

L'UOMO CHE AMAVA LE DONNE
in scena alle 19.30
Biglietti: platea 65€ - galleria 49,5€

Corrado Tedeschi, accompagnato dal vivo dal maestro Alessandro Carlà al pianoforte e dalla voce di Giulia Mezzatesta, farà rivivere con passione e ironia alcuni passaggi del capolavoro di Truffaut "L’homme qui aimait les femmes", in cui il protagonista Bertrande Morane, un ingegnere esperto di meccanica, dedica la sua vita all'amore infinito che prova verso le donne, per riscattare l'affetto che sua madre non gli ha mai dato. Lo spettacolo è scritto e diretto da Luca Cairati e Cristiano Roccamo.

PEPERONI DIFFICILI
in scena alle 21.30
Biglietti: intero 55€ - ridotto 44,5€ + buffet facoltativo 25€

Si tratta di una pièce, diretta da Rosario Lisma, che mescola risate e dramma. Sul palco saliranno Anna Della Rosa, Ugo Giacomazzi, Rosario Lisma e Andrea Narsi.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Un anno dopo" con Enrico Ianniello e Tony Laudadio

10842358_10152796763274300_6701317283320039935_o

15 dicembre 2014

"Un anno dopo" con Enrico Ianniello e Tony Laudadio sarà in cartellone al Teatro Franco Parenti di Milano fino al 21 dicembre, in sala AcomeA. Lo spettacolo, per la regia di Tony Laudadio, si avvale della collaborazione artistica di Simone Petrella e della direzione tecnica di Lello Becchimanzi.

Leggiamo nelle note di presentazione:

Due scrivanie, due impiegati e una quotidiana alienazione che dura 30 anni. Microscene di ordinaria vita d'ufficio, l'inevitabile intreccio di desideri, frustrazioni e segreti di due colleghi costretti a condividere gran parte della loro umana esistenza. Quello di Tony Laudadio (Premio Troisi e Premio Girulà) è un dialogo brillante, efficace, tra riflessione, battibecco, sarcasmo e un racconto esistenziale amaro e tenero insieme che fa sorridere e riflettere anche grazie alla scintillante e collaudata complicità scenica dei due attori protagonisti.

Lo spettacolo, che dura 65 minuti, sarà in scena il martedì alle 20.45, il mercoledì alle 19.45, il giovedì alle 19.45, il venerdì alle 20.45, il sabato alle 20.45 e la domenica alle 15.45.

I biglietti di platea costano 32€, 18€, 15€ e 22,50€ (rispettivamente intero, over 60, under 25 e convenzionati), mentre quelli in galleria costano 25€, 15€, 15€ e 17,50€. E' possibile comprare anche i biglietti online, con un codice speciale che permette l'acquisto di posti in platea a 12,80€ (+ddp) e in galleria a 10€ (+ddp). La promozione però è valida solo per 20 posti al giorno.

Teatro Franco Parenti di Milano: "La notte dei racconti"

9 dicembre 2014

Al Teatro Franco Parenti di Milano spazio anche alle proposte per avvicinare i più piccoli al mondo del teatro: sabato 13 dicembre alle ore 15 nella Sala A come A andrà in scena "La notte dei racconti", una produzione della Compagnia Filipazzi in collaborazione con Accademia Perduta/Romagna Teatri.

Lo spettacolo è ambientato d'estate, in un campeggio. In una tenda ci sono un bambino e il suo papà, che gli racconta le storie e prova a rispondere alle sue domande e perché.

Il biglietto unico costa 10€, mentre la card 9 ingressi 72€ (8€ x 9 tagliandi utilizzabili più volte per più persone con un max di 3 a spettacolo).

Teatro Franco Parenti di Milano: "Sogno di una notte di mezza sbornia" con Luca De Filippo

1 dicembre 2014

Debutterà il 12 dicembre, e sarà in scena fino al 6 gennaio 2015, "Sogno di una notte di mezza sbornia" di Eduardo De Filippo, liberamente tratto dalla commedia "La Fortuna si diverte" di Athos Setti. La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo propone un nuovo progetto sui testi di Eduardo, in un percorso che porterà successivamente all'allestimento di "Non ti pago".

In "Sogno di una notte di mezza sbornia" si parla di sogni, vincite al lotto, superstizioni e credenze popolari di un'umanità che soffre e che solo in questo modo ha la capacità di pensare ad un futuro migliore per sopravvivere al proprio presente. Non mancherà la comunità dei familiari e degli amici, stretta intorno al protagonista ed al suo dramma forse più per egoistico interesse personale che per solidarietà e sostegno.

Lo spettacolo sarà in scena il venerdì alle 20.30, il sabato alle 19.30, la domenica alle 15.30, il martedì alle 20.30, il mercoledì alle 19.30, il giovedì alle 21.30. Venerdì 26 dicembre si andrà in scena alle 17.00, mercoledì 31 dicembre alle 18.45 e 21.45, lunedì 5 gennaio alle 20.30 e martedì 6 gennaio alle 17.00.

Da lunedì 22 a giovedì 25 dicembre 2014, lunedì 29 dicembre 2014 e giovedì 1 gennaio 2015 sarà giorno di riposo.

Il biglietto intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€. I convenzionati pagano 22,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Gli innamorati", regia di Andrée Ruth Shammah

F.A. gli innamorati  libretto di sala (23)

28 novembre 2014

Ha debuttato al Teatro Franco Parenti di Milano lo scorso 26 novembre (e sarà in scena fino al 7 gennaio) lo spettacolo "Gli innamorati" di Carlo Goldoni, per la regia di Andrée Ruth Shammah.

Protagonisti saranno Marina Rocco e Matteo De Blasio, Roberto Laureri, Elena Lietti, Alberto Mancioppi, Silvia Giulia Mendola, Umberto Petranca e Andrea Soffiantini. Andrée Ruth Shammah, dopo aver allestito nelle ultime stagioni i testi di Sgorbani, Cavosi, Tarantino e Trevisan, riprende il suo percorso di ricerca sui classici affrontando con la nuova compagnia del Teatro Franco Parenti "Gli Innamorati" di Carlo Goldoni: la regista torna ad affrontare l'autore veneziano dopo "La Locandiera" e "Sior Todero Brontolon".

Lo spettacolo sarà in scena il martedì alle 20.30, il mercoledì alle 19.15, il giovedì alle 21.30, il venerdì alle 21.30, il venerdì alle 19.15, il sabato alle 21.30 e la domenica alle 15.30. Domenica 7 dicembre è previsto anche uno spettacolo alle 20.00

Il biglietto intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€. I convenzionati pagano 22,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Doppio taglio" con Marina Senesi

MARINA-SENESI_DOPPIO-TAGLIO_WEB

24 novembre 2014

Sarà in scena dal 25 al 27 novembre 2014 al Teatro Franco Parenti di Milano "Doppio taglio" di Cristina Gamberi, con Marina Senesi, per la regia di Lucia Vasini e musiche originali di Tanita Tikaram.

Si tratta di uno spettacolo che affronta la tematica della violenza contro le donne, con uno sguardo trasversale: in primo piano infatti non c'è il racconto della vittima, quello di un testimone o quello del carnefice, ma vengono rivelati i meccanismi attraverso i quali il racconto dei media modifica e distorce la nostra percezione del fatto. A volte infatti - e lo leggiamo quotidianamente sui giornali o lo sentiamo nei tg - la più sincera condanna si trasforma in un'arma a doppio taglio appunto.

La regista racconta:

"Quando Marina mi ha coinvolto in questo progetto ho immediatamente detto di sì per l'entusiasmo e la sincerità che la contraddistingue in ogni viaggio all'interno del teatro civile. Quando una sera dopo le prove mi ha telefonato a casa per dirmi: 'Andiamo a Londra domani, a incontrare Tanita Tikaram?', ho detto subito di sì senza pensare a nient'altro se non alla voce magica di questa grande musicista. L'incontro con Tanita è stato veloce (due ore), giusto il tempo della colazione nel centro della città. Ma in quelle due ore il tempo si è dilatato come succede durante veri incontri...E le note di regia vorrei fossero proprio le parole di Tanita, formulate in un divertente italiano, attraverso una domanda diretta a Marina mentre velocemente raggiungevamo la metropolitana per il ritorno a Milano: 'Marina, io non credo che il tuo racconto urli aggressivo, vero?' Ci siamo guardate e intese: 'No, no!', abbiamo risposto in coro"

Nello spettacolo si innestano anche le voci fuori campo di Filippo Solibello e Marco Ardemagni (conduttori del programma mattutino cult di Radio2 Rai Caterpillar AM): con il susseguirsi di immagini che scorreranno parallele al racconto si mostrerà come la cronaca 'alleggerisca' la responsabilità dell'aggressore quando si ritiene che la donna abbia varcato i confini imposti al suo genere. Persino il carnefice, nell'immagine fotografica, resta un'ombra indefinita, mentre la vittima viene esposta ampiamente allo sguardo del lettore.

"Doppio taglio" insomma è uno spettacolo per riflettere e pensare, nei giorni in cui ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Skianto" con Filippo Timi

17 novembre 2014

Al Teatro Franco Parenti di Milano torna dal 20 novembre al 7 dicembre 2014 torna "Skianto", lo spettacolo di e con Filippo Timi presentato in anteprima la scorsa stagione con un clamoroso successo di pubblico.

Scritto in dialetto umbro, "Skianto" ha un andamento favolistico: è una favola amara, concepita con un linguaggio tra il lirico e il drammatico. Protagonista del racconto è un bambino diversamente abile che non corrisponde, con la scatola cranica 'sigillata', chiuso con i pattini in piedi nel suo spazio, rappresentato scenicamente con la palestra di una scuola elementare.

Vengono portati in scena tutti i desideri del protagonista: fare il ballerino o il cantante, amare un pattinatore, sognare una vita che non sia una prigione, vivere in maniera normale con gli altri. Purtroppo questi desideri non si potranno mai realizzare e il bambino dovrà scontrarsi con la realtà.

Sul palco Timi sarà accompagnato dalla voce e dalla chitarra del giovane Andrea Di Donna che si esibirà in due cover e in due brani composti interamente da lui.

Lo spettacolo sarà in scena il lunedì alle 20.30, il mercoledì alle 21.30, il giovedì alle 19.15, il venerdì alle 21.30, il sabato alle 19.15 e la domenica alle 18.30.

Il biglietto intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€. I convenzionati pagano 22,50€.

Teatro Franco Parenti di Milano: "Il coraggio di Adele"

13 novembre 2014

Sarà in cartellone dal 18 al 30 novembre 2014 lo spettacolo "Il coraggio di Adele", con Arianna Scommegna e Filippo Dini, scritto e diretto da Giampiero Rappa.

Si tratta di una storia d'amore travolgente, ambientata in una ipotetica guerra. L'opera è una metafora del rapporto tra l'universo femminile e maschile: una giovane donna e un giovane uomo, che non si sono mai incontrati prima, sono costretti a convivere isolati per un breve periodo in una baracca, al freddo, in aperta campagna, in attesa che vengano sospesi i bombardamenti. E' Adele a trovare Lucas ferito e malato, e decide così di prendersi cura di lui, rischiando ogni giorno la vita per andare a prendere del cibo.

Lo spettacolo sarà in scena martedì alle 20.45, mercoledì e giovedì alle 19.45, venerdì e sabato alle 20.45, domenica alle 15.45.

Il biglietto di platea intero costa 32€, over60 costa 18€, under25 costa 15€ - i convenzionati pagano 22,50€ -. Invece il biglietto in galleria intero costa 25€, over60 costa 15€, under25 costa 15€ - i convenzionati pagano 17,50€ -.

La storia del Teatro Franco Parenti

Il Salone Pier Lombardo fu fondato nel 1972 da Franco Parenti e Andrée Ruth Shammah, con Giovanni Testori e Dante Isella. Lo spazio divenne subito un importante punto di riferimento per la vita artistica e culturale del capoluogo lombardo.

Tra le produzioni più importanti, e ormai entrate a far parte della storia del teatro italiano, ci sono la "Trilogia" di Testori ("Ambleto", "Macbetto", "Edipus"), "Il malato immaginario" e "Il misantropo" di Molière, "I promessi sposi alla prova" di Testori, interpretati da Parenti stesso con la regia di Andrée Ruth Shammah. Quest'ultimo in altre opere, sperimentò anche una nuova concezione dello spazio scenico, proiettato verso una forma di 'teatro aperto'.

Dopo la scomparsa di Parenti nel 1989 Andrée Ruth Shammah assunse la direzione del teatro che, in onore del grande attore, prese il suo nome attuale.

Informazioni utili

10369567_10152644105899300_2237581808117457838_n

Il Teatro Franco Parenti, che si trova in via Pier Lombardo 14 a Milano, si raggiunge facilmente con i mezzi pubblici, con la metropolitana (linea gialla M3 fermata Porta Romana), con il tram (linee 16 e 9) e con l'autobus (linee 62 e 77). In Piazza Medaglie d'Oro c'è anche un parcheggio del bike sharing.

Per chi invece volesse raggiungere il teatro in auto, ci sono alcuni parcheggi convenzionati: è possibile ritirare il GETTONE PARCHEGGIO presso la biglietteria (tariffa convenzionata 5€ per 3 ore).

Teatro Franco Parenti Convenzioni

Ci sono due tipi di convenzioni in vigore al Teatro Franco Parenti di Milano: una che prevede una riduzione del 30% sul prezzo del biglietto e una che prevede una riduzione del 50% sul prezzo del biglietto. Le convenzioni però hanno validità soltanto nei giorni di martedì, mercoledì, giovedì e domenica.

Convenzioni riduzione 30%

Arci
Carta più Feltrinelli
FAI - Fondo per L'Ambiente Italiano
Touring club
Pink Card
Agis
Tessera Esterni
T – friends Card
Soci Coop
Abbonati annuali ATM
IBS - Tessera Premium
Mondadori Card
Carte Fedeltà del Circuito Selecard

Convenzioni riduzione 50%

Università degli Studi di Milano
Università Bocconi
Università Cattolica
Università del San Raffaele
NABA
Accademia di Brera
IULM
IED

Teatro Franco Parenti Biglietteria e prenotazioni

La biglietteria è aperta negli orari:

lunedì dalle 16 alle 19.30
da martedì a sabato dalle 10 alle 14.30 e dalle 16 alle 19.30
domenica dalle 10 alle 14.30

I contatti sono:
tel. 02 59995206
e-mail biglietteria@teatrofrancoparenti.it

E' possibile anche acquistare i biglietti degli spettacoli direttamente sul sito del teatro (da stampare a casa o ritirare presso la biglietteria), o telefonicamente con carta di credito (da ritirare 10 minuti prima dello spettacolo).

Il costo della prevendita, pari a 1,50€, viene applicato sui biglietti acquistati presso la biglietteria del Teatro, quella online o presso altri punti vendita. I biglietti emessi o smarriti non possono essere rimborsati ma è possibile effettuare cambi di data per lo stesso spettacolo salvo disponibilità di posti e, se richiesto, con anticipo di un giorno rispetto alla replica del biglietto acquistato.

Foto | Pagina Facebook del Teatro

  • shares
  • Mail