Lana Sutra: Erik Ravelo per Benetton


Mese croccante, settembre: si preparano i vernissage e gli eventi nelle gallerie per le settimane a venire, ci si affretta a pianificare i weekend autunnali per vedere gli ultimi scampoli di Biennale di Venezia e intanto si gustano le fioriture spontanee dell'incontro tra l'arte e la moda, vera regina del mese. Un esempio lampante di quanto sto dicendo è l'installazione dell'artista cubano Erik Ravelo (che per la verità in Biennale ha avuto un ottimo riscontro): il Lana Sutra.

Una meravogliosa sequenza di 15 composizioni scultoree che da oggi si può ammirare negli store di Benetton di Milano, Istanbul e Monaco (Germania). Due corpi ricoperti di filo di lana in colori a contrasto, si avvinghiano e come in una danza esplorano il mondo delle posizioni dell'amore, con una poesia e un garbo il più possibile vicini al testo sacro indù del Kamasutra.

Si percepisce chiaramente l'intento mistico di Ravelo, che vede gli essere umani come un qualcosa di profondamente unito e connesso, perchè proprio in questo sta la sua forza. L'incontro tra i due corpi/colori, produce una lunga lunga treccia che simboleggia il nuovo, il compenetrarsi di culture e punti di vista, in una parola: l'incontro.

Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton
Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton
Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton
Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton
Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton
Erik Ravelo Lana Sutra per Benetton

  • shares
  • Mail