L'arte di Yuko Shimizu

Le illustrazioni di Yuko Shimizu

Immaginate se Tank Girl, l'eroina dei fumetti creata da Jamie Hewlett, fosse disegnata da Hokusai o, viceversa, se un'antica stampa giapponese venisse rielaborata da un artista pop. Be', viene in mente qualcosa del genere guardando le opere di Yuko Shimizu, illustratrice giapponese che opera, con grande successo, un po' ovunque nel globo (Giappone, America, Europa, Nuova Zelanda), realizzando per lo più illustrazioni. I suoi clienti principali sono i grandi marchi e le riviste più prestigiose (The New Yorker, The New York Times, The Wall Street Journal, Rolling Stone), ma lavora anche per le campagne di sensibilizzazione o per i gruppi musicali.

Yuko si è formata a Tokyo studiando marketing e pubblicità, per poi decidere di abbandonare completamente quel campo e dedicarsi anima e corpo alla sua passione artistica. Il suo stile è un originalissimo impasto di tecniche moderne e suggestioni antiche, in cui il mondo delle antiche stampe nipponiche si ibrida con i linguaggi del fumetto, della pubblicità e del fashion design. A parte quella dei maestri giapponesi si può scorgere nel suo lavoro l'influenza di alcuni fumettisti occidentali come Guido Crepax, Jamie Hewlett e Craig Thompson.

Particolarissimo anche il suo metodo di lavoro: dopo aver elaborato un'idea, Yuko realizza a matita degli schizzi o dei bozzetti su carta. Una volta individuato il soggetto lo ridisegna nelle dimensioni desiderate. Poi lo stampa e lo ricalca tramite lavagna luminosa con pennello e inchostro indiano o pennelli per la calligrafia giapponese. Infine scansione l'immagina al pc e procede alla colorazione in Photoshop. Maggiori dettagli sul metodo li trovate qui. Nel frattempo date uno sguardo alla gallery delle sue opere.

Le illustrazioni di Yuko Shimizu
Le illustrazioni di Yuko Shimizu
Le illustrazioni di Yuko Shimizu
Le illustrazioni di Yuko Shimizu
Le illustrazioni di Yuko Shimizu

  • shares
  • Mail