La Space Dance di Ttetsuro Fukuhara

Ballerino, coreografo, direttore del Tokio Space Dance e docente universitario, Tetsuro Fukuhara è una persosonalità poliedrica e intrigante della scena contemporanea in Giappone e all'estero, che vale la pena di esplorare.

Attivo sin dagli anni 70'-'80, Fukuhara è un rappresentante di quella "seconda generazione" di danzatori Butoh che ha cercato e prodotto innovazione e rinnovamento in questo movimento artistico nato in Giappone negli anni '60 come avanguardia legata alla performance art. Il Butoh è un ibrido che incorpora teatro, danza, mimo, Noh, Kabuki, Chi kung and Tai esprimendo e liberando una danza che viene direttamente dall'inconscio, in chiara opposizione alla rigidità e all'idea di perfezione della cultura tradizionale giapponese. La ricerca di Fukuhara, nell'arco di circa quindici anni, approda ad una sperimentazione dove danza, architettura, informazione e design si incontrano e si contamiano a vicenda. Il risultato è "Space Dance", un progetto multidisciplinare realizzato con la collaborazione di ballerini, artisti, scenziati e tecnici che dal 1996 viggia letteralmente in tutto il mondo, dall'oriente estremo, agli Stati Uniti, all'Europa. Nel 2006 "Space Dance in the Tube" viene presentato per la prima volta presso il Tokio Design Center. Il corpo come storia in una danza ispirata e basata sulla tecnica Butoh che mette al centro l'abilità del performer di evolvere il suo movimento con e attraverso lo spazio, per esprimere desiderio allo stesso modo in cui l'uomo contemporaneo ha bisogno della tecnologia. Il tutto si svolge dentro una struttura tubolare - ne avete un esempio nel video in alto - all'interno della quale sviluppare il design della propria danza, o meglio: entrare in contatto con il corpo per imparare a svilupparlo nello spazio. Una forma di esercizio per l'esere umano contemporaneo che, immerso nella sua attuale vita tecnologica e digitale, fa esperienza della sua capacità di percepire lo spazio attraverso i confini del corpo, come fonte primaria della nostra evoluzione. Yuichi Takayanagi, direttore del Tama Science Museum che nel 2007 ha ospitato una performance coinvolgendo 440 studenti, si esprime così sull'opera: "[...] Space Dance in the Tube come spazio di esperienza ed espressione giocosa fa rivivere la nostra sensazione cinetica dalle zone del nostro inconscio [...]".

Space Dance è tutt'ora al centro di un intenso programma di ricerca, oltre che di performance, workshop e lecture che coinvolgono prestigiosi spazi espositivi quanto accademie, studenti, scuole e spazi pubblici, dal MIT di Boston alle Nazioni Unite, mentre Fukuhara continua a performare e insegnare Space Dance con energia immutata.

Space Dance

  • shares
  • Mail