Street art. Intervista a 6emeia

6emeia

L'intervista del martedì riguarda il duo 6emeia. Qualche settimana fa, dopo aver visto il loro lavoro su Wooster Collective, incuriosita ho contattato 6emeia, due giovani artisti brasiliani, per scoprire qualcosa di più di loro. Nel frattempo i loro "tombini", hanno fatto il giro di internet, segno che l'idea ha suscitato interesse.

Recentemente ho visto il vostro lavoro su Wooster Collective. Chi è 6emeia, raccontateci la vostra storia, gli studi fatti, quando avete iniziato e perché.

6emeia è stato creato da SAO! e Delafuente. Entrambi lavoriamo con l'animazione, il disegno e internet. Ci siamo incontrati alle elementari, e sin d'allora disegniamo insieme. Durante la scuola abbiamo avuto una piccola agenzia e lì abbiamo disegnato la copertina dei lavori di scuola. E' stato un periodo divertente.

Quando avete pensato di realizzare il progetto dei "tombini". E' nuovo, è un modo per distinguervi dalla massa?

A luglio del 2006, quando parlavamo di dipingere una strada chiamata Rua do Bosque (la strada della foresta) con un tema surreale. Mentre stavamo realizzando disegni e studi, nel durante, ne abbiamo realizzati alcuni per i tombini e abbiamo notato che era una cosa interessante e abbiamo cominciato a concentrarci sui tombini.
Poi abbiamo pensato di chiamare il progetto 6emeia (sei e mezzo), perché le sei e mezza sono l'unico momento quando le lancette dell'orologio guardano in basso e se guardi in giù, vedrai i nostri lavori. Tutti i nostri lavori sono come una piccola nota di colore in una città grigia.
Non abbiamo cominciato a dipingere i tombini solo per distinguerci, abbiamo iniziato 6emeia perché pensavamo fosse una gran cosa. Ma ci rendiamo conto che stiamo realizzando una cosa che è diversa dai graffiti convenzionali.

Come viene vista la street art in Brasile oggi?

Oggi ci sono due tipi diversi di street art, una è la vera street art, la gente che dipinge per strada. La seconda è quella rappresentata dai ragazzi che vogliono dipingere la loro street art in una galleria. Le cose in Brasile alle volte sono molto strane.

Sempre più gente usa il web per emergere e trovare contatti con gente simile. Cosa ne pensate del social networking e di internet.

Pensiamo che sia una cosa grandiosa, perché internet rompe le barriere che dividono i paesi, per esempio, tu sei italiana, noi siamo brasiliani e tu conosci il nostro lavoro attraverso un sito americano. E' una cosa straordinaria. Amiamo internet.

Chi vi ispira?

Per il progetto dei tombini, la strada, perché ogni giorno ci cammini e vedi quella cosa (il tombino). Un giorno abbiamo realizzato che aveva occhi e bocca. Poi ci piacciano molti artisti come Chuck Jones, Bruce Tim, Frank Miller, Todd Mcfarlaine.

Un nuovo progetto al quale state lavorando?

Animazione. Stiamo disegnando e scrivendo alcune storie per realizzare dei brevi filmati d'animazione. A dicembre avremo dei video sul nostro sito, 6emeia, e speriamo di dipingere La Strada Surreale.

  • shares
  • Mail