Le "graff-foto" di Tasso

I fotograffiti del berlinese Tasso

Su Coolhunting dicono che la leggenda narra di un bambino che inizia a scarabocchiare graffiti sul tavolo della nonna, e anno dopo anno si delinea così l'evoluzione dello stile in nuce di uno street-artist. Stiamo parlando del foto/graffiti-artist Ta55o (Tasso); cresciuto nella Berlino ancora divisa in due, si è da subito dovuto misurare con le opere murali (a sfondo sociale e politico) di molti street-artist antesignani della sua epoca.

La sua arte si autodefinisce "finest photorealistic graffiti", e in questo video potete avere un'idea dell'artista all'opera in quel di Berlino con la sua crew, Maclaim, fondata nel 1999. Cos'è la prima cosa che colpisce?

Ma che anche spiega tutto: gli scatoloni con decine di bombolette ton sur ton, in un gioco di sfumature quasi infinito. Poi si tratta di calibrare perfettamente la pressione del dito indice sul cap -giusto- e non sarà un caso se molte delle opere di Tasso, raffigurano in supermacro e quindi nei minimissimi dettagli, proprio questo momento, questo fatidico incontro così cruciale.

I fotograffiti del berlinese Tasso
I fotograffiti del berlinese Tasso
I fotograffiti del berlinese Tasso
I fotograffiti del berlinese Tasso

  • shares
  • Mail