Paesaggi italiani dell'epoca di Goethe

locandinaCon un affollata conferenza, si è inaugurata alla Casa di Goethe, a Roma, la seconda parte della mostra “Paesaggi italiani dell’epoca di Goethe”, quella dedicata ai disegni.

Esposti, in occasione del decimo compleanno dell’ “unico museo tedesco all’estero”, i disegni di una quindicina di artisti, perlopiù tedeschi, amici, conoscenti o semplicemente contemporanei del grande poeta. Le opere fanno parte della collezione dell’istituto.

Nella mostra si respira aria di Grand Tour ed è un continuo susseguirsi di gustose viste di Napoli, Ercolano, Ariccia, Frascati o Albano realizzate tra XVIII e XIX secolo.

L’atteggiamento con il quale questi artisti andavano per la campagna italiana a caccia di paesaggi è ben inquadrato da una frase di Tischbein, l’ospite di Goethe durante il soggiorno romano, riportata nel catalogo dalla curatrice Claudia Nordhoff: “Disegno molto di ciò che mi colpisce, vi appunto due parole e mi preparo così un diario parlante che racchiude veramente il meglio della mia vita”.

Sempre di Tischbein, di cui molti ricorderanno il ritratto di un suo celebre amico, è il pezzo più bello in mostra: un acquerello di campagna romana veramente molto felice.

A Roma, Casa di Goethe, fino al 15 dicembre.

  • shares
  • Mail