La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos

La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos

Il pittore cubano-americano Cesar Santos rilegge l'arte mescolandone con arguzia i rapporti. Stili ed epoche si fondono nei suoi colori ad olio per incontrarsi sulla tela come in un appuntamento mondano. Nudi perfetti e classicheggianti, refusi emozionali e ritratti alla maniera ottocentesca, tutta la materia racchiusa nelle sue opere, si dispone in maniera solo apparentemente aggraziata per attirare l'occhio dello spettatore proprio nel punto in cui si concretizza il cortocircuito.

Ed ecco teste cubiste apparire su deposizioni dall'apparenza ben anteriore, tatuaggi e coulottes fondersi con decori tradizionali, atmosfere oniriche sfociare in sussulti di morte e vanità, in un equilibrio instabile che riscopre se stesso solo nei paesaggi campestri e nel tratto della matita per scomporsi nuovamente negli ultimi lavori.

Sotto l'egida del sincretismo, si compie un matrimonio funebre tra gioventù e vecchiaia, bellezza e disfacimento, luce ed ombra, al cospetto imponente della figura umana che, esaltata o avvilita, concentra su di sé quell'immaginario inimmaginabile che ci solletica dolcemente le ciglia...prima di strapparle!

Via | santocesar.com

La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos
La rilettura dell'arte secondo Cesar Santos

  • shares
  • Mail