I ritratti di Jason Bard Yarmosky

La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski

Jason Bard Yarmoski produce ritratti estremamente realistici, è un artista newyorkese conosciuto ai più per i suoi soggetti un tantino particolari. Nell'era della gioventù intesa come non plus ultra del benessere psicofisico, in cui tutti -chi più chi meno- tendono a ritornarnare ad essa come in un cerchio, Yarmoski si focalizza sugli anziani.

Perchè vengono spesso dimenticati, guardati con sufficienza, derisi; e allora lui li dipinge con toni fedeli, dandogli un appeal quasi infantile. L'effetto è strobo; la pelle cascante, l'espressività un po' ingessata, le posture contratte si mescolano in un effetto shock con accessori e vestiti da festa in maschera.

Gli elementi di solito indossati con entusiasmo nell'epoca infantile, come le orecchie da coniglietta o il costume da supereroe, riportano a dei concetti in qualche modo archetipici: la vita è un ciclo perenne, le sue fasi si avvicendano inesorabili e non c'è ritocco estetico che tenga perchè alla fine da qualche parte il segnale del tempo passato lo scovi. C'è anche un altro significato però: dentro ogni adulto (e anche quelli più avanti negli anni) c'è il bambino che lui è stato, e che prepotentemente riemerge nei torrenti impetuosi dell'emotività.

La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski
La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski
La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski
La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski
La pittura iper-realista di Jason Bard Yarmoski

  • shares
  • Mail