Danielle Choukroun, la parola al colore!

Danielle Choukroun

Ma chi l'ha detto che il dolore deve essere contenuto, che l'imperativo della contemporaneità è il minimalismo e, soprattutto, che gli accostamenti cromatici devono rigorosamente obbedire a questa specie di "regola non scritta" del mono o al massimo bi-cromo, che sembra ossessionare una lunga serie di artisti? Mi piace pensare che l'eccedenza sia una misura dell'inesprimibile, come nei quadri di Danielle Choukroun. Opere "al limite tra il figurativo e l'astratto" che si nutrono proprio di una dinamica difficilmente inquadrabile, testimoniando un "senso del colore" che si fa movimento a parte, esprimendo con pochi tratti decisi una poetica di grande impatto, che è lungi dall'essere semplice.

Analisi&Sintesi si fondono nello spazio limitato della tela, dando origine ad un'armonia fatta di gridi acuti di rosso-arancio e pause soffici di bianco tenero, in uno "scrivere con il pennello", che assomiglia alla creazione di uno spartito musicale, forse un po' confuso, ma indubbiamente interessante, ricostruendo la colonna sonora di un lavoro vibrante di colore e di forma, che da bella mostra di sé fino al 31 dicembre presso lo spazio espositivo della Biblioteca Claude Levi-Strauss di Parigi.

Via | artistes-avenue.com

Danielle Choukroun
Danielle Choukroun
Danielle Choukroun
Danielle Choukroun
Danielle Choukroun

  • shares
  • Mail