Milano celebra la Transavanguardia

Una mostra a Palazzo Reale a Milano riunisce i cinque protagonisti del movimento della Transavanguardia in una grande esposizione tematica. L'iniziativa si svolge in concomitanza con le rispettive personali degli artisti, variamente distribuite sul territorio: Sandro Chia a Modena, Francesco Clemente a Palermo, Enzo Cucchi a Catanzaro, Nicola De Maria a Prato e Mimmo Paladino a Roma.

Alla mostra si affiancano giornate di studio con i contributi di filosofi come Massimo Cacciari, Gianni Vattimo e Franco Rella, sotto la direzione di Achille Bonito Oliva, che della transavanguardia fu mentore e principale figura di riferimento in ambito critico. Nell'anno in cui si celebra l'Arte Povera c'è quindi anche l'occasione di conoscere da vicino il movimento che di quell'esperienza fu in parte una risposta e un tentativo di superamento.

Nel segno del ritorno alla pittura e alla manualità, e in contrapposizione alle derive minimali e astratte di un concettualismo imperante, la Transavanguardia rivendicava in primo luogo la centralità dell'individualità artistica, dell'espressione del soggetto fuori dalle logiche della voce collettiva, dentro la quale l'artista rischia il soffocamento e l'anomia. L'estetica non si priva del confronto con i grandi del passato e persino dell'aperta citazione degli stessi, in quella che Bonito Oliva definisce la fine della dittatura del darwinismo evoluzionistico nel campo dell'arte.

  • shares
  • Mail