No Curves espone in un ex rifugio bellico

No Curves, immagine dalla mostra Bunkerhaus

A Milano fino al 28 Ottobre 2007 è possibile visitare la mostra intitolata Bunkerhaus, allestita allo spazio Seminato Mercadante: un ex rifugio bellico ora rinnovato; un'esposizione di street art di cui hanno parlato anche Repubblica e Corriere della Sera ( e questo è il termometro di quanto la street art a Milano sia oggi tenuta in considerazione, ma dovrebbe far riflettere anche sul pericolo museificazione-mummificazione ).

La mostra Bunkerhaus è "abitata" dalle figure del dittatore, dei gerarchi e dei soldati che rimandano agli stati totalitari, ma i riferimenti ad un ipotetico regime si ritrovano anche in alcuni temi, come quello del fanatismo, dell'utilizzo delle immagini e delle simbologie ed anche in alcuni gesti rituali.

L' intenzione, come si legge dal sito di No Curves è quella di

riflettere con autoironia sul rischio di tutti i manifesti, artistici e politici. L’ideologia spinta all’eccesso genera mostri: qui la glorificazione estetica della linea retta contro “le impure curve” è metafora di tutte le aberrazioni dittatoriali del secolo passato.


No Curves è un progetto artistico che opera esclusivamente attraverso l'utilizzo del nastro adesivo, molte delle loro realizzazioni si rapportano con la pubblicità tramite interventi su cartelloni e manifesti pubblicitari. Di loro aveva parlato anche 02blog, ed i commenti quando si tratta di street-art o di stickers di certo non mancano.

L'attività di No Curves è figlia del fenomeno tape art, ma per il modo in cui si riappropria della pubblicità si possono leggere dei rimandi ai movimenti francesi anti-pubblicità nati intorno al 2003.

Immagine ripresa dal sito di No Curves.

  • shares
  • Mail