East Zone - Il Giappone ai tempi della fotografia sperimentale


Il Giappone visto attraverso le lenti delle prime apparecchiature fotografiche, ecco gli albori del fotogiornalismo e del reportage internazionale -e del ritocco photoshop- nella mostra appena inaugurata a Villa Contarini (a Piazzola sul Brenta, vicino a Padova), il titolo spiega tutto: EAST ZONE. Antonio Beato, Felice Beato e Adolfo Farsari. Fotografi veneti attraverso l'Oriente dell'Ottocento, la mostra sarà aperta fino al 1°aprile 2012.

Gli autori in questione sono considerati dei pionieri della divulgazione dell'iconografia d'oriente, e le loro foto documentano la cultura e lo stile di vita di un paese che all'epoca, era la seconda metà dell'800, era davvero distante anni luce. Il fascino di queste immagini è piuttosto scontato, chi non rimane incuriosito dalle armature dei samurai e dalle stratificazioni di tessuti dell'antico vestire giapponese?

Però suscitano sempre curiosità i dettagli che emergono lentamente, senza fragore da queste foto; una specie di National Geographic ante litteram ci porta per mano tra i toni delicati e le posture sempre aggraziate dei "modelli", di sicuro scelti per la loro marcata tipicità, che ai tempi era per il pubblico italiano quanto di più esotico si potesse immaginare. Vi ispira questo tuffo zen nella storia della fotografia? Ho trovato su Flickr ulteriori assaggi del mondo nippo di quasi due secoli fa.







  • shares
  • Mail