Musei parigini, affluenza in grande crescita!

I visitatori del Louvre
Che sia un effetto secondario della crisi oppure no, quel che è certo è che i Musei parigini possono proprio rallegrarsi del risultato. E sono proprio quelle statistiche, spesso ostili alla cultura, a registrare l'importante incremento avvenuto nell'anno ha chiuso i battenti da qualche settimana. Le funeste profezie di decadimento sembrano non aver toccato le più celebri istituzioni della capitale francese, che anzi, hanno dovuto fare i conti con file d'attesa ben più lunghe del solito.

Ma chi sono i principali beneficiari di queste affluenze da record? Tanto per cominciare il "Re dei musei parigini", naturalmente, Il Louvre, che, con i suoi 8,8 milioni di visitatori, ha registrato una crescita del 5% rispetto al 2010. Poi il Centre Pompidou, "la mecca dell'arte contemporanea", che ha visto gli ingressi alle esposizioni temporanee (con una buona fetta di partecipazione legata alla grande mostra su Munch) aumentare del 29%, superando la soglia dei 2 milioni raggiunta nell'anno precedente. Terzo citato il Quai Brainly (del quale avevamo già parlato in occasione della biennale alternativa Photoquai) le cui collezioni a sfondo etnografico, sono state viste da 1,4 milioni di curiosi, per una crescita totale del 9%.

Immagine da films.louvre.fr

  • shares
  • Mail