Louvre: ancora una settimana per i disegni di Vasari!

Giorgio Vasari al Louvre
Non c'è che dire, cinquecento anni dalla nascita di Giorgio Vasari rappresentano davvero un'occasione di festeggiamento. E quale omaggio sarebbe più gradito alla memoria di un grande pittore molto spesso ricordato più per le opere della sua penna che per quelle del suo pennello, che un'esposizione dei suoi disegni? Devono aver pensato più o meno una cosa del genere al Louvre, e il risultato sarà visibile ancora per una settimana presso in alcune aree del primo piano.

Perché se è vero che i suoi scritti di storia dell'arte, e soprattutto il trattato intitolato "Vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri", hanno permesso di gettare le basi della disciplina, inaugurando allo stesso tempo il genere della biografia artistica, ciò non toglie che anche gli schizzi di Vasari, siano opere "pregevoli e gradevolissime.

La mostra ha riunito una cinquantina di esemplari, proprio per mettere in luce la "bella maniera" moderna, che si esprime nel disegno inteso nella sua natura di principio primo alla base di ogni sviluppo creativo futuro e sottolineare la vastità di interessi dell'artista di origini aretine, formatosi sull'antichità classica anche grazie ad una giovinezza di "pellegrinaggi artistici" e all'osservazione delle creazioni di Raffaello e Michelangelo.

Ma fu alla corte fiorentina del granduca Cosimo I de Medici che divenne un vero e proprio punto di riferimento della produzione artistica dell'epoca. Infallibile cortigiano (alla maniera indicata da Baldassarre Castiglione nel suo celebre volume) riuscì persino nella difficile impresa di trasformare il Palazzo della Signoria, tra i più antichi e radicati simboli della Repubblica, in fastosa residenza ed elogio principesco.

Via | italieaparis.net
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre
Giorgio Vasari al Louvre

  • shares
  • Mail