Stefan Gross - Sustainable Art


Mi piace la domanda che si pone l'artista Stefan Gross: " l'arte è qualcosa di più di una forma come un'altra di spazzatura, è un tipo di spazzatura sostenibile o eco-friendly?". La risposta è forse, ma poi come le ciliegie, una domanda tira l'altra e si finisce a incespicare sul concetto di durata degli oggetti, con amletici dubbi tipo: un oggetto che esiste da tempo, è già stato buttato o è da buttare?

Nella serie Sustainable Trash, Gross ha creato una serie di installazioni per indagare la zona grigia degli scarti culturali e materiali, si sofferma sulle necessità spirituali dell'essere umano, sui suoi bisogni più profondi.

Gli oggetti in questione, in prevalenza giocattoli, vengono "rivisti" dall'autore che vi aggiunge organi umani e li fa sciogliere e squagliare come a dire: "usami fintanto che ci sono". Non si sa quanto dureranno queste cose, non si sa quanto a lungo ci piaceranno; la plastica -materiale everlasting o quasi- suggerisce la lunga distanza, ma il fattore umano si ribella all'ordine costituito e va alla perpetua ricerca di qualcosa di nuovo da buttare via.

  • shares
  • Mail