Al Whitney Biennial 2012 anche Werner Herzog


Quest'anno la Whitney Biennial non ha scelto soltanto artisti in senso stretto, ma anche registi, scienziati, ballerini, scrittori e attori. Tra questi, il grande cineasta tedesco Werner Herzog presenterà un suo personale progetto su un artista dimenticato, l'olandese Hercules Pieterszoon Seghers, incisore e pittore del 1600. Seghers, di cui sopravvivono appena undici dipinti, fu una figura estremamente innovativa per la sua epoca e le sperimentazioni da lui adottate, anche a livello tecnico, ispirarono molti pittori, fra cui lo stesso Rembrandt, che rielaborò alcuni dei suoi paesaggi.

"A mio parere, è il precursore di tutte le espressioni artistiche moderne - dice Herzog - è bizzarro che sia ancora poco conosciuto. Un vero artista, autore di opere belle e strane oltre ogni immaginazione". Seghers fu praticamente ignorato dai suoi contemporanei e rivalutato solo successivamente. E' certo che la sua figura presenta molti tratti herzoghiani, visti i risvolti estremi della sua esistenza: morì, infatti, ormai solo, povero e alcolizzato, in seguito a una brutta caduta dalle scale. L'intervento di Herzog in sua memoria prevede un'installazione e un film incluso, Hearsay of the Soul.

  • shares
  • Mail