I nuovi lavori di Jade, street artist peruviano


Non so se mi piace di più il murale di Jade o la foto che mostra l'interazione della persona con l'opera, nella fattispecie una sorta di levitazione, una nuova vita per la lunga parete diroccata che lo street artist peruviano ha deciso di personalizzare. Perchè la questione non è solo il graffito in sè, ma anche come viene osservato, recepito, vissuto, e la relazione tra esso e lo spettatore (anche l'artista stesso) è uno dei suoi aspetti fondamentali.

Jade è tra gli street artist più caratteristici e famosi del Sud America, questo almeno negli ultimi dieci anni, in cui ha spesso stretto collaborazioni con altri virtuosi del muro come Amor e Nice a Buenos Aires.

I suoi pezzi puoi riconoscerli al volo, con quegli occhi giganti e acquosi e la palette di colori polverosi che ritornano in un ciclo perpetuo. Ci sono diversi video su youtube dove potete vederlo all'opera; ma i suoi lavori sono due volte interessanti per l'aspetto oltre che estetico, sociale della sua ricerca. Per esempio in un suo recente lavoro realizzato con il nutrito gruppo che comprendeva Entes, Pesimo, Corona, Seta Fuerte, Roma e Vespa a Constitución, ha voluto rappresentare la realtà delle migliaia di persone costrette a vivere senza casa o in costruzioni di fortuna.

  • shares
  • Mail