L'arte politica di Obey

Le serigrafie di Obey
"Una mostra evento per ripercorrere la carriera del più celebre street artist del mondo". Nella frase di lancio, Mondo Bizzarro strafà e dimentica se non altro Banksy, ma la promozione, si sa, ha le sue esigenze. L'uomo presentato dalla galleria romana che frequenta i mondi underground e "alternative", si chiama Shepard Fairey, ma è celebre in tutto il mondo con il nome Obey, diventato a suo modo una sorta di brand. Paradossi del moderno situazionismo, che ha generato strategie incrociate come il guerrilla marketing, almeno da quando il No Logo di Naomi Klein è diventato a sua volta slogan e marchio, nonché grido di ribellione.

Obey, infatti, è come Banksy un artista politico, un rivoltoso dell'immaginario, sebbene il suo lavoro sia molto più composito, e a suo modo glamour, rispetto all'opera 'sporca', performativa, irriducibile di Banksy. Più decorativo, formale, e meno d'impatto. Ed anche più digeribile. Ad esempio, il Fantomas della street art difficilmente potrebbe fare da megafono visivo a un qualsiasi candidato alle presidenziali, nemmeno se fosse un nero progressista come Barack Obama. Ciò che è invece capitato - anche se un po' suo malgrado - a Obey, autore dell'ormai celebre manifesto di Obama stilizzato in blu e rosso, con la scritta HOPE. Una vera e propria icona contemporanea, che contribuì non poco alla riuscita stessa della campagna presidenziale, entrando al contempo e con forza nell'immaginario comune.

Comunque la si pensi bisogna riconoscere una grande sapienza nell'arte serigrafica di Obey. Un'occasione per ammirarla da vicino è data proprio da questa mostra di Mondo Bizzarro che "dopo la personale tributata allo street artist americano nel 2011, replica proponendo una retrospettiva che, tra opere in tiratura limitata e pezzi unici, conterà oltre 120 pezzi firmati da Obey, coprendo un arco temporale compreso tra l’ormai lontano 1997 e i nostri giorni".

Le serigrafie di Obey
Le serigrafie di Obey
Le serigrafie di Obey
Le serigrafie di Obey
Le serigrafie di Obey

  • shares
  • Mail