"Sant'Anna, la Vergine e il Bambino": l'ultimo capolavoro di Leonardo in mostra al Louvre

sant'anna, la vergine e il bambino di leonardo

Ci sono voluti venti mesi per terminare il restauro dell'ultimo capolavoro di Leonardo, "Sant'Anna, la Vergine e il Bambino", l'opera iniziata dal maestro nel 1501 per la basilica della Santissima Annunziata di Firenze. Ora, finalmente, grazie all'appassionato lavoro della restauratrice italiana Cinzia Pasquali, l'opera può tornare nelle sale del Louvre, dove sarà esposto con una mostra dedicata dal 29 marzo al 25 giugno. La restauratrice, che in Francia è famosa per i restauri effettuati nella Galleria degli Specchi della reggia di Versailles, è una grande appassionata del Louvre e di Leonardo:

"In questi ultimi venti mesi a contatto con l’opera ho vissuto in una specie di bolla. Sant’Anna era diventata la mia ossessione, me la sognavo di notte. Adesso devo lasciarla: è un momento doloroso, come se dovessi separarmi da un figlio."

Nonostante le polemiche sulle modalità e le tecniche del restauro (tra cui quella che contestava i colori emersi come troppo brillanti), il risultato di pulitura del dipinto è senz'altro sbalorditivo: il blu luminoso del mantello di Sant'Anna è il fulcro stesso dell'opera, emergono il grigio-azzurro dello sfondo e il verde intenso degli alberi. Il certosino lavoro della Pasquali ha peraltro fatto emergere le impronte digitali del genio:

"Sui capelli della Vergine e sui bordi superiori del vestito ho rilevato alcune impronte digitali del Maestro, che probabilmente stemperava la pittura con le dita per non lasciare il segno del pennello. E’ stato per me un momento magico, una grande emozione. Se avessi potuto far di testa mia, avrei pulito ancora di più. Ma sono i conservatori del Louvre a decidere".

Foto | Sito Ufficiale

  • shares
  • Mail