Pablito. Il robot che studia Guernica

Il robot che studia Guernica
Si chiama Pablito, ma non è un diminutivo per indicare il celeberrimo autore dell'opera protagonista di questa vicenda: un capolavoro del calibro di Guernica di Picasso. Si tratta invece di un robot dalle dimensioni importanti e dal considerevole peso di 1560 kg, che lavora tutte le notti sulla famosa tela. Non sono in molti ad averlo visto in azione, perché prende servizio proprio quando termina l'orario di apertura al pubblico e si chiudono le porte del Museo National Reina Sofía di Madrid.

La sua missione? Scattare mille foto all'ora (al ritmo di una mitragliatrice), durante il periodo notturno, nell'ambito di un'operazione che impegnerà il "singolare ricercatore" fino a giugno e produrrà un totale di 24.000 immagini. Ognuno dei cliché riunisce in sé diverse versioni ad infrarosso, ultravioletto, luce multispettrale e scannerizzazione 3D, che permetteranno di spiare tutti il processo di gestazione nei dettagli, i singoli tratti del pittore, ma anche e soprattutto lo stato del quadro a 3/4 di secolo dalla sua "venuta al mondo".

Buona parte del suo lavoro sarà esposto nella mostra, organizzata per la commemorazione del 37° anniversario del bombardamento del villaggio basco di Guernica, da parte delle forze tedesche e italiane che appoggiavano il generale Franco durante la Guerra Civile Spagnola, che sarà incentrata proprio sull'opera di Picasso e sul padiglione Spagna dell'Esposizione Internazionale di Parigi del 1937, dove venne esposta per la prima volta. Un impegno di prim'ordine per il "nuovo acquisto" del Dipartimento di Conservazione e Restauro afferente al grande museo madrileno. Ma catturare l'anima di uno dei quadri che hanno fatto la storia della pittura, val ben qualche sacrificio!

Via | clarin.com

Il robot che studia Guernica
Il robot che studia Guernica
Il robot che studia Guernica
Il robot che studia Guernica
Il robot che studia Guernica

  • shares
  • Mail