Parigi e i disegni di Bourdelle

i disegni di Bourdelle
Emile-Antoine Bourdelle è una gloria della scultura moderna, ma la sua "statura artistica" è stata troppo smesso messa in ombra dal genio del grande Rodin, che seguiva come praticante e assistente. L'ironia della sorte ha voluto la quasi-coincidenza di tempi di due mostre particolarissime, entrambe ospitate presso i rispettivi musei dedicati, nella città di Parigi. E non si tratta di un confronto tra opere "eminentemente plastiche", ma del raffronto tra i loro schizzi. De “La saisi du modèle” ospitata al Museo Rodin, vi abbiamo già parlato, eccoci qui a "colmare l'ingiusto scarto" presentandovi anche di "...Que du Dessin", presso il Museo Bourdelle.

Per chi avesse la chance di trovarsi "all'ombra della Tour", vi consigliamo di visitarle entrambe, magari una dopo l'altra, per poter apprezzare appieno i meccanismi di influenza che uniscono diverse modalità di espressione. Con Bourdelle vi troverete catapultati nell'universo che unisce declinazioni mitologiche e attrazioni formali michelangiolesche, suggestioni classiche e profili familiari, racchiuse in circa duecento fogli, molti dei quali inediti, selezionati durante l'inventario dei settemila schizzi appartenenti al fondo museale. Vi si può rintracciare buona parte del "percorso grafico" dello scultore, rendendogli omaggio a centocinquant'anni dalla sua nascita e riscoprendo alcune direttrici che sono "germogliate" nel lavoro di un suo valente allievo di nome Giacometti.

Via | paris.fr

i disegni di Bourdelle
i disegni di Bourdelle
i disegni di Bourdelle
i disegni di Bourdelle
i disegni di Bourdelle
i disegni di Bourdelle

  • shares
  • Mail