L'urlo di Munch all'asta

Capolavoro dell'espressionismo e uno dei quadri più famosi al mondo, L'Urlo di Edvard Munch sbarca a Londra. Vi avevamo parlato del grande exploit di Sotheby's, a dimostrazione che il mercato dell'arte contemporanea rimane uno dei pochi ambiti al riparo dalla crisi. Ebbene, è notizia di queste ora che la casa d'aste inglese rilancia in grande stile sembra determinata a battere all'asta il tesoro di Munch il prossimo 2 maggio. Si parla di una stima da capogiro, intorno agli 80 milioni di euro.

L'opera d'arte che ha segnato l'immaginario del Novecento, un pastello su tavola, è di proprietà dell'imprenditore norvegese Petter Olsen, il cui padre Thomas è stato amico e vicino di casa dello stesso Munch. Dopo tanti anni, Olsen ha deciso di vendere l'opera per investire i proventi nell'istituzione di un nuovo museo dedicato a Munch - con annesso centro artistico e hotel dedicato - proprio nella fattoria norvegese dove l'artista viveva. Olsen ha assicurato che il complesso aprirà i battenti il prossimo anno, in occasione del 150esimo anniversario della nascita di Munch: "sarà dedicato al lavoro dell'artista e al tempo che aveva trascorso qui. Stiamo restaurando la sua casa ed il suo studio e gli ospiti potranno stare in quella che era la sua casa".

Via | Rainews

  • shares
  • Mail