Forse c'è la firma di Leonardo Da Vinci, più vicina la Battaglia di Anghiari


Lo ha dichiarato pochi minuti fa ai microfoni della trasmissione di Rai Radio 2 Caterpillar il sindaco di Firenze Matteo Renzi: la Battaglia di Anghiari potrebbe essere una delle opere più rappresentative di Leonardo da Vinci.

L'affresco perduto è da oggi più vicino, come sostiene Maurizio Seracini (nella foto) dell'Università di San Diego, che coordina il team di ricercatori, sostenuto da National Geographic, che operano a Palazzo Vecchio. Sono state trovate tracce di manganese e di rame, pigmenti di colore (rosso, nero e beige) utilizzati dal maestro del rinascimento fiorentino in alcuni celebri capolavori (tra cui la Gioconda).

Così, mentre molti amanti di storia dell'arte stanno “trasalendo” alla vista dell'affresco del Vasari trapanato e violato, le sonde sono arrivate in profondità, scovando vernice smaltata rossa e pigmento marrone.
La scoperta è ancora 'da prendere con le pinze', mentre si attende anche un pronunciamento da parte degli esperti dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze.

  • shares
  • Mail