La visual art underground cilena


Diluvio è una piccola casa di produzione cinematografica - e delle arti visive in genere - creata nel 2007 a Santiago del Cile da Niles Atallah, Joaquín Cocina, e León Cristóbal, con lo scopo di sostenere le opere audiovisive del mondo underground, solitamente sconosciute alla produzione cinematografica standard.

Da allora Diluvio è cresciuta notevolmente e include visual artists, registi, musicisti, illustratori, operatori teatrali e attori, riuniti in un unico team di lavoro, le cui opere - lungometraggi e cortometraggi - hanno ottenuto numerosi riconoscimenti in occasione di festival cinematografici internazionali. Tra questi, il primo premio al Prize for Best International Film del “Fantoche International Animation Film Festival”, in Svizzera, il Grand Prix “Wooden Wolf" Prize dell’ “Animated Dreams Film Festival”, in Estonia, il Grand Jury Prize for Best Short Film del FIBABC in Spagna e il premio tedesco presso Literaturwerkstatt Berlin Prize del “Zebra Poetry Film Festival”, con la trilogia Lucia, Luis e il Lupo.

Ultimo lavoro, presentato in anteprima al Rotterdam International Film Festival nel 2012, è "L'arca", cortometraggio basato sulla vita e le opere del filosofo Athanasius Kircher, anch'esso parte di una trilogia intitolata "Il Terzo mondo", creata tra il 2010 e il 2011. I video rappresentano una processione selvaggia, che si muove tra sacro e il profano, il bello e il terribile, il sublime e la bestialità, dove ogni film è l'inizio di un mito ma anche la sua decadenza imminente.

  • shares
  • Mail