Gli insoliti "Nudisti timidi" di Kawamura Gun


Nudisti timidi liberi d'intorno a te è il titolo bizzarro della mostra che la Galleria 291 Est propone nel quartiere romano di San Lorenzo, presentando le opere astratte dell'artista giapponese Gun Kawamura. La mostra sarà inaugurata domenica 1 aprile alle ore 19.00 e resterà aperta fino al 14 dello stesso mese. Protagonisti dei quadri le strane creature che animano il fantomatico "Movimento dei nudisti timidi" attraverso i paesaggi metropolitani di Roma, Tokyo e New York. Una serie di corpi nudi con una testa-bocca fasciata di bianco si muovono in uno scenario urbano parossistico e incantato: occupano gli spazi mutando dimensione, spostandosi in angoli diversi, ossessionati dal cibo e dalle modalità contemporanee di incontro, scambio e consumo.

Il quartiere Shizouka - Yaizu a Tokyo, il Casilino o il Pigneto a Roma, i sobborghi di New York a Bushwick: i non-luoghi delle grandi metropoli formano il caleidoscopio di scenografie che scorrono intorno ai protagonisti di un tribalismo urbano e moderno. Nello stile di Kawamura Gun confluiscono germi dell'espressionismo e uno spirito Pop, in una miscela originalissima di esasperazioni figurative e devianze cromatiche. C'è qualcosa di irriducibile nell'arte di Gun, qualcosa che comunica con profondità e al tempo stesso con ironia, attraverso immagini che sembrano uscire direttamente dall'inconscio collettivo.

Kawamura Gun è nato in Giappone. Da Tokyo si è trasferito a Londra dove a studiato arte alla Camberwell College of Arts e al Blake college. Dal 1995 ha cominciato a esporre in diverse città europee. Innamoratosi della transavanguardia approda in Italia a Roma, dove vive e opera nel quartiere Pigneto. Lavora con vari metodi di pittura, oggettistica erotica e video. Suona come leader nei Blind Birds.

  • shares
  • Mail