Turner in the light of Claude Lorrain

Turner in the light of Claude
I panorami di Turner e del suo "maestro francese" Claude Gelée, detto Lorrain, non erano mai stati così vicini. La mostra ospitata presso la National Gallery di Londra fino all'inizio di giugno, si basa su un vero e proprio percorso di confronti tra le tele dei due maestri del paesaggio vissuti rispettivamente nel XIX° e XVII° secolo ed originari dei due paesi affacciati sulla Manica. Due artisti "innamorati dell'Italia", terra del Grand Tour che esaltarono nelle loro opere bagnate di luce. "Turner Inspired: In the Light of Claude" è un evento che approfondisce la poetica del raffronto, già operata, ma tra differenti versioni dello stesso autore, nel caso della mostra di Matisse al Centre Pompidou di Parigi. Turner e Lorrain si lasciano infatti riscoprire poeticamente, in un sottile gioco di rimandi e differenze, al quale gli stessi visitatori sono invitati a partecipare attivamente attraverso l'espressione delle loro personali opinioni, durante una lunga serie di iniziative collaterali. Conferenze, letture e dibattiti organizzati proprio per analizzare a approfonditamente gli aspetti svelati dall'esposizione.

Una nuova scoperta per i compatrioti di Turner, che credevano di conoscere tutti gli aspetti dell'opera del loro augusto "Vate armato di pennello". Si scopre così che è proprio la luce l'elemento che li accomuna, o meglio, quel modo inedito di trasportarla nell'opera. Considerato persino troppo avanguardista all'epoca di Lorrain, ancora immersa nel classicismo, fece invece la fortuna del suo "allievo" che quasi due secoli dopo, ne esaltò le forme e la sostanza materica, costruendo insiemi a tratti evanescenti, innervati da maestuosi tocchi di pittura, inghiottiti dalla potenza luminosa del loro nucleo centrale. I due pittori non si erano mai mostrati vis-à-vis come in questo caso, nonostante Turner, avesse già precisato nel suo lascito alla National Gallery che "L'ascensione dell'Impero Cartaginese", uno dei suoi lavori più famosi, dovesse essere posizionato accanto a "Porto con imbarco della Regina di Saba" di Lorrain, e espresso nel suo testamento, la volontà di vedere le sue tele esposte accanto a quelle del suo ispiratore francese...Ecco avverarsi, a più di centocinquanta anni dalla morte, uno dei più grandi desideri dell'icona inglese.

Via | nationalgallery.org.uk

Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude
Turner in the light of Claude

  • shares
  • Mail