I quattro capolavori ritrovati ad Aiaccio

I capolavori ritrovati ad Aiaccio
Ritrovarsi dinanzi all'obiettivo delle sue ricerche, deve essere stata una sorpresa rilevante, per la giudice d'istruzione incaricata delle indagini riguardanti quattro pregevoli tele rubate nel febbraio 2011 dal Palais Fesch-Musée des Beaux-Arts d'Ajaccio, che ospita la più importante collezione francese di pitture italiane, dopo quella del Louvre. Le opere sono state ritrovate nella serata di venerdì, appoggiate ad un muro ed intatte, in un parcheggio a nord della città corsa, proprio dall'inquirente, recatasi immediatamente sul luogo in seguito ad una telefonata anonima.

Si tratta di un piccolo tesoro composto dalla "Pentecoste" di Mariotto di Nardo, "La Vergine con bambino" di Bellini, un anonimo umbro del XVI° secolo e "Mida alla fonte del fiume Pactole" di Nicolas Poussin. Simon Renucci, sindaco di Ajaccio, ha dichiarato che i quadri, che costituiscono alcuni tra i più importanti nuclei d'attrattiva del museo corso, saranno restituiti alle sale subito dopo i rilievi scientifici del caso, per essere riappesi a già a partire da dopodomani.

Via | lemonde.fr

I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio
I capolavori ritrovati ad Aiaccio

  • shares
  • Mail