Mascarades et Carnavals a Parigi

Mascarades et Carnavals
Quando l'arte assurda del carnevale prende forma in una vera e propria esposizione, si fa quasi fatica a crederci. Eppure è proprio quello che è successo con "Mascarades et Carnavals" al Musée Dapper di Parigi, fino al 15 luglio prossimo. Difficilmente si sarebbe potuto trovare teatro migliore, visto che l'interessante culla etnografica, racchiusa nel cuore del sedicesimo arrondissement della capitale francese non è un semplice luogo d'esposizione, ma uno spazio d'arte interamente dedicato alla messa in valore delle culture dell'Africa, dei Caraibi e alle rispettive diaspore, che attraverso l'azione della Fondation Olfert Dapper (intitolata all'umanista olandese che durante il XVII secolo, compose una dettagliata descrizione enciclopedica del continente africano, senza mai spostarsi dal suo paese), organizza iniziative volte alla promozione e alla valorizzazione di tali orizzonti.

L'occasione ha permesso di approfondire e riscoprire le numerose risonanze che legano le maschere africane ai carnevali delle Antille e della Guyane. Forti momenti rituali fondati sulla condivisione e finalizzati al rafforzamento dei legami interni alle comunità locali. Costumi, pettinature e travestimenti costruiti con i materiali più diversi e accompagnati da musica, danze e canti, secondo l'allestimento curato dal fotografo Zak Ové, e dallo scultore plasticien Hervé Beuze. Elementi gelosamente conservati ed esposti insieme a fotografie e video che, oltre ad illustrarne la singolare atmosfera, ne restituiscono il vivo spessore.

Via | 75.agendaculturel.fr

Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals
Mascarades et Carnavals

  • shares
  • Mail