James Franco da Hollywood al MOCA con la mostra collettiva Rebel

Molti lo conoscono per le sue interpretazioni cinematografiche, ma James Franco si destreggia bene ad Hollywood come negli ambienti dell'arte contemporanea, sia come artista che come curatore. In questo video potete vedere la presentazione (in inglese) della sua mostra Rebel Al MOCA di Los Angeles; un'esperienza corale che vede la partecipazione di molti nomi noti agli estimatori della scena unconventional dell'arte americana: Ed Ruscha, Terry Richardson, Paul McCarthy, Damon McCarthy, Harmony Korine, Aaron Young, Douglas Gordan, Galen Pehrson e Ed Ruscha.

Rebel nasce dall'imprinting del film Rebel Without a Cause, un vero e proprio mito hollywoodiano e opera amatissima da Franco, che ha chiesto agli artisti di cui sopra di interpretarne il tema portante - soprattutto la cultura motociclistica degli anni '50- attraverso video, scultura e altri media (lui partecipa con il corto Brad Renfro Forever), ecco cosa dice lui a riguardo:

...uno degli argomenti principali è la ribellione adolescenziale, uno schema di comportamento che passa di generazione in generazione come un'eco. Ho pensato di affidare il tema a questi artisti outsider, che l'hanno sviluppato in modi al di fuori della nosra immaginazione, insomma presto il progetto si è dilatato a dismisura!

Ed è ovvio che il nodo della questione ci affascina alquanto: la connessione tra il cinema e l'arte contemporanea, che non poteva avvenire in un luogo più adatto. La mostra è onstage nel nuovo spazio espositivo JF Chen fino al 23 giugno 2012; nella foto la versione "drag" di James in uno scatto di Terry Richardson, compreso nel corpus dell'esposizione.

Immagine | Accidental Bear

  • shares
  • Mail