In arrivo il progetto salva-arte

Arriva dall'Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam) del Cnr di Potenza il nuovo sistema di tracciabilità dei beni artistici mobili, un progetto per la salvaguardia e il recupero delle opere d'arte in caso di eventi atmosferici straordinari come terremoti e alluvioni. Un tema di forte attualità se si pensa al recente terremoto che ha colpito le popolazioni dell'Emilia Romagna e numerosi monumenti storici e artistici.

Il sistema si basa su tecnologie e servizi di geolocalizzazione, che permette di spostare in caso di emergenza le opere e reinserirle nel contesto originale anche a distanza di anni. Ma non solo: il sistema ha anche la funzione di monitoraggio, utile nel caso in cui l'opera venisse spostata o sottratta illecitamente. I dispositivi sono in grado infatti di mandare una segnalazione di rischio via web, con la posizione aggiornata del bene artistico. Un progetto altamente tecnologico e all'avanguardia, ma soprattutto economico ed eco-sostenibile: l'accessibilità dei dati avviene tramite web, nelle due modalità cartografiche, Openstreet map o Google maps.

  • shares
  • Mail